Legge di stabilità, arrivato il via libera finale della Camera

News

Legge di stabilità, arrivato il via libera finale della Camera

legge di stabilità

E’ arrivata l’approvazione finale della Legge di Stabilità 2017 da parte della Camera. Via libera alla manovra finanziaria.

La Camera dei Deputati ha dato l’approvazione finale alla Legge di Stabilità del prossimo anno. Sono stati 290 i voti a favore e 118 quelli contrari. A questo punto la norma passerà in discussione al Senato (in seconda lettura) a partire dalla prima data disponibile dopo il voto del referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. Per ora l’ipotesi più credibile è quella relativa a martedì 6 dicembre, quando l’esito del voto sul bicameralismo perfetto sarà senz’altro noto.

La discussione va avanti in Senato. Approvazione alla Camera “elemento di serietà che spero verrà apprezzato da tutti”

In merito alla discussione parlamentare relativa alla Legge di Stabilità, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha detto che l’attività “va avanti e il Senato ha tutto il tempo per chiudere in tempi ragionevoli la legge di bilancio”. “Il fatto di aver approvato prima del referendum il disegno di legge alla Camera”, ha poi aggiunto il premier, “è un elemento di serietà che spero verrà apprezzato da tutti”.

Giù le tasse, polemica con il presidente Monti.

Aumento fondi per la Sanità

Renzi ne ha poi approfittato per evidenziare alcuni concetti base in merito proprio alla manovra finanziaria. “Le tasse”, ha spiegato, “continuano ad andare giù: va giù l’Ires, via l’Irpef agricola, interventi sulle partite IVA con buona pace del presidente Monti”, che nei giorni scorsi ha dichiarato che le tasse nel nostro Paese non sono in realtà calate. Nel frattempo, ci saranno “30 – 50 euro per le pensioni più basse, quelle al di sotto dei mille euro”.

In relazione poi alla Sanità, ci sarà “un aumento a 113 miliardi di euro, due in più rispetto all’anno scorso, più il fondo per la non autosufficienza che è 450 milioni con un più 50 milioni rispetto all’anno scorso”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche