Lelli Kelly Vs Bull Boys: le scarpe più famose negli anni ’90

Moda

Lelli Kelly Vs Bull Boys: le scarpe più famose negli anni ’90

Bull Boys

Negli anni '90 tutti i bambini e le bambine diventavano pazzi per avere queste sneakers sportive: colorate e piene di gadgets per Lei, scure e autografate per Lui.

Era il 1970 quando l’azienda toscana Stefania Shoes ha iniziato a produrre scarpe per bambini e bambine. Nel 1986 l’azienda diventa Stefcom Spa, e affianca alla produzione un’attività commerciale con la licenza del marchio Snoopy.

Nel 1992 nasce il marchio Lelli Kelly e solo un anno dopo quello per i maschietti, Bull Boys. La ditta toscana diventa ben presto leader nel settore, con importanti studi sui consumatori e innovative strategie di marketing. Infatti alle scarpe erano spesso associati dei regali, che potevano essere pennarelli o trucchi, collane e portachiavi profumati, mentre per i ragazzi si potevano vincere videogames o palloni autografati dagli sportivi del cuore. Memorabile è stato il pallone firmato da Gianfranco Zola!

Gli sviluppi del brand

Con gli anni la Stefcom aumenta i propri brevetti e perfeziona gli studi di settore: raggiunge gli Stati Uniti con una contratto di licenza con la ATSCO Footwear Group nel 2004 e in Asia. Nel 2005, dopo l’enorme successo delle scarpe per ragazzine, l’azienda decide di cambiare ulteriormente il nome in Lelli Kelly S.P.A.

Queste ultime sono state le prime ad aver messo in pratica il brevetto delle suole ad illuminazione intermittente: quando ci si spostava o si saltava, le luci si accendevano. Con il successivo sviluppo, componevano anche un jingle visivo che si azionava ad ogni salto. La Sigla inoltre è rimasta nella memoria di tutte le bambine: ” Siam Lelli Kelly le tue Scarpine…siam Lelli Kelly le più carine, olè!”

Ecco a voi un bel video con lo spot musicale e la testimonial d’eccezione, Heather Parisi! Che ricordi!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...