Mamma e figlia vendono tutto e girano il mondo: la vità è più economica COMMENTA  

Mamma e figlia vendono tutto e girano il mondo: la vità è più economica COMMENTA  

mamma e figlia

Mamma e figlia vendono tutto e decidono girare il mondo. “E’ più economico che restare a casa”.

Evie Farrell e Emmie sono mamma e figlia, ed entrambe hanno deciso cambiare vita. Così Evie Farrell ha deciso un anno fa di vendere tutto quello che aveva e giare il mondo. Da allora la loro vita è migliorata e ha una gioia inaspettata.

Leggi anche: Ultimo giro di consultazioni quello di oggi


“Di questi tempi l’anno scorso stavo lavorando fino a tardi, e vedevo pochissimo mia figlia Emmie, di 6 anni. Adesso invece stiamo condividendo un succo di melone nella città di Hoi An in Vietnam dopo aver giocato sulla spiaggia, aver pedalato attraverso campi di coltivazione di riso e aver mangiato noodles da un carretto sulla strada” sono le parole della intrepida mamma per il Huffington Post.

Leggi anche: Trapianto urgente per una bambina di 9 anni: la salva un Jet militare


Adesso Evie Farrell ed Emmie stanno godendo elle fantastiche vacanze che non finiscono mai. Secondo la donna, viaggiare apporta grandi benefici, anche economici. Loro arrivano da Sidney, una città dove la vita costa molto, dal mutuo per la casa fino ai mezzi di trasporto.

Secondo Farrell, per poter avere uno stile di vita comodo è necessario lavorare tanto. Quello che diventa molto difficile è conciliare la vita lavorale con quella famigliare.

L'articolo prosegue subito dopo

La giovane mamma è molto orgogliosa della decisione che ha preso e ha dichiarato al Huffington Post : “Questo è un modo di vivere poco convenzionale ma pieno di avventura, ed è sicuramente la migliore decisione che abbia mai preso”.

 

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*