Muore in un incidente aereo: stava cercando lavoro COMMENTA  

Muore in un incidente aereo: stava cercando lavoro COMMENTA  

Una giovane italiana ha perso la vita nel suo viaggio alla ricerca di un posto fisso

E’ morta in uno schianto aereo alla ricerca di un lavoro l’italiana Ilaria Berti. La donna, 43 anni, aveva lasciato Mestre sul PiperPa 34 Seneca mentre si trovava su Skopje, in Macedonia. I familiari hanno raccontato di aver sperato che la figlia si trovasse su uno degli altri 2 aerei, ma purtroppo hanno scoperto che Ilaria aveva perso la vita insieme ad altre 5 persone, proprio sull’aereo precipitato. La mamma Marzia ha spiegato che Ilaria era alla ricerca di un posto di lavoro fisso, per questo era partita.

Leggi anche: Passeggeri maleducati, ecco cosa può succedere sugli aerei


La sorella Cristiana ha raccontato: «Una situazione che la preoccupava molto perchè non voleva essere di peso a nessuno. Ilaria nutriva molte speranze dagli amici del Club che doveva trovarle un posto di lavoro.

Leggi anche: Cade ghiaccio dal cielo, all’interno urina ed escrementi

Proprio per questo motivo aveva fatto anche un viaggio a Parigi». Marzia invece ricorda la figlia descrivendola per la donna che era: “Ilaria era una donna solare, che amava molto gli animali e seguiva una dieta vegetariana.

Gli piaceva molto il ballo, in particolare il tango argentino. Si era fatta benvolere anche per il suo impegno nel mondo del volontariato. Aveva dedicato molto del suo tempo per aiutare i bambini del reparto pediatrico dell’ospedale all’Angelo di Mestre con la benemerita fondazione Abio.

L'articolo prosegue subito dopo

Il vuoto lasciato nei nostri cuori da Ilaria non potrà essere mai colmato”
.

Non si sa ancora quando potranno essere celebrati i funerali di Ilaria e delle altre vittime dell’incidente, certamente la famiglia sceglierà di salutarla nella chiesa di Carpenedo.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

1 Commento su Muore in un incidente aereo: stava cercando lavoro

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*