Napoli dalla terra al cielo: riaprono Duomo e museo del sottosuolo

Napoli

Napoli dalla terra al cielo: riaprono Duomo e museo del sottosuolo

museo-del-sottosuolo-napoli
museo-del-sottosuolo-napoli

Del Museo del Sottosuolo di Napoli e dell’Inferno dantesco vi avevamo già parlato: ecco tutte le date

Riapre il Duomo di Napoli, finalmente restaurato: come vedere tutta la città dall’alto

TERRA… – Che Napoli fosse una città dai mille volti lo sapevamo già: che questi volti si mostrassero in diverse altezze, beh, questa è una cosa ancora tutta da scoprire bene e che farà felici molti turisti. Partiamo dalla terra, anzi, dal sottosuolo, dove sarà ambientato fino a tutto maggio l’Inferno di Dante che tanti sold out ha avuto in tutta la Campania. Queste le date per poterlo godere

Gennaio 2016

  • 20 gennaio 2016 – Mattina
  • 27 gennaio 2016 – Mattina
  • 30 gennaio 2016 – Sera
  • 31 gennaio 2016 – Mattina

Febbraio 2016

  • 11 febbraio 2016 – Mattina
  • 14 febbraio 2016 – Mattina
  • 18 febbraio 2016 – Mattina
  • 25 febbraio 2016 – Mattina

Marzo 2016

  • 2 marzo 2016 – Mattina
  • 3 marzo 2016 – Mattina
  • 6 marzo 2016 – Pomeriggio
  • 9 marzo 2016 – Mattina
  • 10 marzo 2016 – mattina
  • 17 marzo 2016 – Mattina
  • 22 marzo 2016 – Mattina
  • 23 marzo 2016 – Mattina
  • 31 marzo 2016 – Mattina

Aprile 2016

  • 2 aprile 2016 – Sera
  • 3 aprile 2016 – Mattina
  • 6 aprile 2016 – Mattina
  • 7 aprile 2016 – Mattina
  • 13 aprile 2016 – Mattina
  • 14 aprile 2016 – Mattina
  • 20 aprile 2016 – Mattina
  • 21 aprile 2016 – Mattina
  • 23 aprile 2016 – Sera
  • 24 aprile 2016 – Mattina
  • 27 aprile 2016 – Mattina
  • 28 aprile 2016 – Mattina

Maggio 2016

  • 5 maggio 2016 – Mattina
  • 10 maggio 2016 – Mattina
  • 11 maggio 2016 – Mattina
  • 14 maggio 2016 – Sera
  • 15 maggio 2016 – Mattina
  • 17 maggio 2016 – Mattina
  • 18 maggio 2016 – Mattina
  • 28 maggio 2016 – Sera
  • 29 maggio 2016 – Mattina

Duomo Napoli…E CIELO – Napoli dall’alto nella bellezza del Duomo restaurato grazie ai lavori di restauro realizzati nella cattedrale dal Comune e dalla soprintendenza alle Belle arti con 2 milioni e duecentomila euro di fondi europei nell’ambito del Grande progetto centro storico di Napoli Unesco: una vera e propria meraviglia.

Grazie ai restauri adesso al Duomo di Napoli per la prima volta saranno offerti alla vista del turista la congrega di Santa Restituta dei Neri o cappella del Tesoro vecchio, la cappella Seripando, la cripta ipogea e i sottotetti di abside, navata e transetto.

I restauri sono stati diretti da Gullo e alla fine dal soprintendente Garella. Laura Giusti si è occupata dei restauri artistici mentre il responsabile unico del procedimento è stato l’architetto Luca D’Angelo. I lavori eseguiti dalla ditta Ares sono stati diretti da Martino Solito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Modestino Picariello 712 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+