Come organizzare le pulizie in casa quando si lavora COMMENTA  

Come organizzare le pulizie in casa quando si lavora COMMENTA  

pulizie

Gestione e pulizie di una casa rappresentano quasi sempre un problema per chi passa la maggior parte della giornata fuori. Il rimedio esiste ed è semplice

Chiunque si trovi a svolgere un’attività lavorativa purtroppo deve affrontare il problema della gestione e delle pulizie della propria casa. Quando si rientra dal lavoro nel tardo pomeriggio o addirittura la sera, abbiamo a disposizione davvero pochissimo tempo per dedicarci a questo genere di attività. L’unico modo per poter affrontare questo problema è quello di seguire un perfetto ordine, organizzarsi e pianificare il tutto. Facendo diversamente ci troveremmo nel week end a dover svolgere tutte le faccende domestiche che non abbiamo fatto durante la settimana e così non avremo la possibilità di riposarci o anche solo di rilassarci in vista di una nuova settimana lavorativa da affrontare.

Per coloro che hanno una famiglia, un importante contributo potrebbe essere dato dagli altri componenti. Affidando degli incarichi ad ognuno di loro o facendo almeno in modo che ognuno mantenga in ordine e pulito il proprio spazio, una parte importante dei lavori da svolgere sarà già fatta.

Potrebbe essere davvero fondamentale stilare un vero e proprio programma settimanale, ovvero una lista delle faccende domestiche e dei compiti da svolgere per ognuno dei componenti famigliari. Così facendo alcuni lavori saranno da svolgere quotidianamente, mentre altri solo una o rare volte a settimana. Taluni saranno a scadenza quindicinale o mensile.

Grazie anche all’aiuto degli elettrodomestici, che potranno funzionare durante la notte, avremo modo di lavare panni e stoviglie e ci troveremo con tutto pulito al nostro risveglio.

Per far sì che questo metodo funzioni, la tabella di marcia dovrà essere seguita meticolosamente e, dopo qualche sacrificio iniziale, diverrà automatico e spontaneo rispettarla. Avremo così più tempo a disposizione da dedicare a noi stessi, alla nostra famiglia e ai nostri passatempi preferiti.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*