Orsi Toth positiva doping: sospesa da Rio 2016 COMMENTA  

Orsi Toth positiva doping: sospesa da Rio 2016 COMMENTA  

Viktoria Orsi Toth

Viktoria Orsi Toth è stata trovata positiva ad una sostanza dopante, nello specifico a un anabolizzante. Niente olimpiadi per lei.

Esce così allo scoperto un nuovo caso di doping nella squadra azzurra diretta a Rio per le olimpiadi. Questa volta si tratta di Viktoria Orsi Toth una pallavolista di beach volley. La ragazza avrebbe dovuto debuttare sulla sabbia di  Rio l’8 agosto, insieme alla sua compagna di squadra Marta Menegatti, contro le canadesi Broder-Valjas.


Il controllo che avrebbe incastrato l’atleta azzurra risale al 19 luglio fuori dalle competizioni. La ragazza sembrerebbe positiva a un anabolizzante. Così nel pomeriggio del 2 agosto è arrivata la conferma da parte del Coni della sospensione dai giochi per l’atleta.  ” Viktoria Orsi Toth (tesserata FIPAV) è stata riscontrata positiva alla sostanza Clostebol Metabolita, a seguito di un controllo fuori competizione disposto da NADO ITALIA, a Roma, il 19 luglio 2016. La Prima Sezione del TNA comunica che ha provveduto a sospendere l’atleta in via cautelare, in accoglimento dell’istanza proposta dall’Ufficio Procura Antidoping”

Una brutta notizia per gli azzurri. La coppia Orsi Toth- Menegatti era l’unica prescelta per il beach femminile. Ora verrà convocata una nuova ragazza che farà da compagna alla Menegatti. Essendo, il beach volley, uno sport di grande intesa sarà più difficile affrontare la competizione per le atlete.


La Orsi Toth ha risposto all’accusa richiedendo la disposizione delle contro-analisi con procedura d’urgenza. Sono state così fissate per la mattina del 3 agosto, mercoledì, presso il laboratorio dell’Acqua Acetosa.


La pallavolista si aggiungerebbe a altri tre atleti italiani trovati positivi ai controlli dell’anti-doping: il canottiere Niccolò Mornati, la velista Roberta Caputo e Chatbi dei 3000 siepi.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*