Partita della Pace, Maradona: Totti giocherà fino a 50 anni

Sport

Partita della Pace, Maradona: Totti giocherà fino a 50 anni

maradona

Maradona su Totti: “Giocherà fino a 50 anni”. Bufera tra il Pibe de Oro e il capitano dell’Inter.

Si terrà domani, mercoledì 12 ottobre, a Roma, la Partita della Pace. L’evento, promosso da Papa Francesco, avrà lo scopo di sostenere programmi educativi e sociali di diverse Onlus e il ricavato sarà devoluto a favore della popolazione di Amatrice, colpita dal terremoto del 24 agosto.

Tra le tante stelle della storia del calcio mondiale, vedremo in campo Diego Maradona, ex centrocampista del Napoli e attualmente allenatore, ma in ogni caso indiscutibile pietra miliare del suo sport.

Proprio quest’ultimo sta provocando da ieri una bufera mediatica che coinvolge soprattutto i social network. Le dichiarazioni di Maradona in merito all’evento ormai prossimo sono state svariate: la sua vicinanza al pontefice e ai terremotati, le critiche a Equitalia, i tempi cambiati anche nel calcio, il dispiacere per l’imminente intervento al crociato di Milik, l’infinita ammirazione nei confronti di Francesco Totti che, secondo l’ex fuoriclasse argentino, “può giocare fino a 50 anni.

E quaranta giocatori del campionato italiano non fanno il suo valore”.
Ma a scatenare l’attenzione di giornalisti e seguaci del mondo del calcio è il lapidario commento riservato al connazionale Mauro Icardi, capitano dell’Inter: “Dei traditori non parlo. Se io sono qui alla partita della pace, lui con questa partita e con i bambini non c’entra niente”.
L’epiteto ‘traditore’ era già stato riservato al bomber nerazzurro da Maradona nel 2013, quando emerse le sua relazione con Wanda Nara, attualmente moglie di Icardi ma ex coniuge di Maxi Lopez, attaccante argentino del Torino e al tempo amico di colui che l’avrebbe tradito. “Ai miei tempi l’avremmo picchiato” aveva dichiarato a proposito Maradona in quel momento.

La risposta di Icardi non ha tardato ad arrivare dando origine, in particolar modo sul web, a una rete sempre più allargata di scontri, di botta e risposta e di attacchi verbali che, al di là delle ragioni e i torti e delle implicazioni morali del passato dell’interista, non contribuiscono alla costruzione di un clima idoneo a una partita (intesa come evento di rilevanza nazionale e globale) che per definizione dovrebbe essere all’insegna della pace e della solidarietà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...