Prete ricattato da una coppia dopo un rapporto sessuale

Cronaca

Prete ricattato da una coppia dopo un rapporto sessuale

Prete
Prete ricattato da una coppia dopo un rapporto sessuale

Un prete è stato vittima di una coppia che ha minacciato di diffondere un video hard se non avesse pagato 15mila euro.

È finito male il tentativo di ricatto ordito da una coppia composta da un marocchino e una romena ai danni di un prete di Vicenza. La coppia pretendeva la somma di 15mila euro per non divulgare un video compromettente.

A quanto pare il sacerdote aveva avuto un rapporto sessuale con l’uomo, alla presenza della donna. Il rapporto sessuale si è consumato in casa della coppia, in via Dian 40.

La richiesta di ricatto è giunta al prete la settimana scorsa. Sono stati momenti difficili per l’uomo, combattuto sul da farsi. Il timore di uno scandalo era forte, la divulgazione del video avrebbe potuto condizionare per sempre la sua vita. Tutti avrebbero saputo della sua omosessualità ma, probabilmente, la cosa che più preoccupava l’uomo era il suo status di prete che aveva fatto voto di castità.

Dopo alcune notti insonni, il parroco si è deciso, anche perché la coppia pressava per avere il denaro.

In un momento di lucidità, il sacerdote ha scelto di fare la scelta giusta e si è rivolto alla polizia. D’accordo con gli agenti della squadra mobile di Vicenza, il prete ha finto di cedere al ricatto e si è incontrato con i due per consegnare il denaro pattuito. Subito dopo la consegna dei soldi, è entrata in scena la polizia che ha arrestato in flagranza di reato Radouane El Mohamadi, 44 anni, originario del Marocco e Narcisa Maria Enache, 26 anni, romena.

Si è conclusa bene una brutta vicenda di ricatti, capitata proprio in un periodo nel quale il caso di Tiziana Cantone tiene banco. Certo, sono storie diverse ma per certi aspetti anche simili. Nel caso della ragazza, un video le ha rovinato per sempre la vita, fino al più tragico degli epiloghi. Nel caso del sacerdote, qualora il video fosse stato diffuso, gli effetti sarebbero potuti essere non dissimili da quelli di Tiziana Cantone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche