Ricette salate: cous cous di pesce alla trapanese COMMENTA  

Ricette salate: cous cous di pesce alla trapanese COMMENTA  

Prepariamo un primo leggero e gustoso, adatto alla stagione estiva.

Ingredienti ( 6 persone )

250 gr cous cous; 1 kg di pesci per zuppa; 500 gr calamari; 500 gr gamberi; 500 gr cozze; vino bianco; 500 gr vongole; 1 carota; 1 aglio; 2 cipolle; 100 gr concentrato pomodoro; sale; pepe; 2 bustine di zafferano; prezzemolo; olio; paprika; peperoncino

Preparazione

Metti a bagno le vongole e le cozze in acqua e sale grosso.

Metti le vongolo e le cozze pulite in una casseruola con aglio, prezzemolo e 1 dl di vino. Falle aprire coperte per 5 minuti. Tenere da parte il liquido e sgusciare metà dei molluschi.

Sgusciare i gamberi e togliere il filetto nero sul dorso. Trasferire i gusci e le teste in una pentola con 1 l di acqua,1 dl di vino, la carota, la cipolla, il sale, il peperoncino.

Portare a bollore e cuocere per 40 minuti. Unire il liquido dei molluschi. Eliminare le pinne dei calamari, togliere i tentacoli e la sacca, gli occhi e il becco.

L'articolo prosegue subito dopo

Taglaire ad anelli e tagliuzzare i tentacoli. Far rosolare la cipolla e l’aglio con 4 cucchiai di olio. UNire i calamari e bagnare con un dl di fumetto nel quale è stato precedentemente diluito il concentrato di pomodoro, la paprika e lo zafferano. Cuocere 40 minuti unendo il fumetto. Aggiungere i filetti  di pesce tagliati a pezzi, il sale e il pepe e cuocere altri 8 minuti. Unire per un minuto i gamberi. Cuocere il cous cous secondo le indicazioni utilizzando come liquido il fumetto di pesce. Riportare a bollore il fumetto e unrie le cozze, le vongole ed il prezzemolo. Servi il cous cous con la zuppa.

Leggi anche

Quattro ricette di antipasti dolci
Cucina

Quattro ricette di antipasti dolci

Quattro ricette di antipasti dolci. Ecco alcune ricette buone e interessanti per sorprendere i vostri tavoli con deliziosi antipasti a tavola. Antipasti dolci: quattro ricette. Per sorprendere i vostri ospiti con degli antipasti alternative, ecco Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*