San Sebastiano al Vesuvio: uccide la moglie e s’inventa una rapina per mascherare il delitto

San Sebastiano al Vesuvio (Na) – Pasquale Iamone, 38 anni, disperato, gli abiti intrisi di sangue, si era recato al pronto soccorso di Villa Betania con in braccio la moglie, Antonietta Paparo, 36 anni, in fin di vita e morta poco dopo. Aveva chiesto aiuto, aveva raccontato di una rapina finita nel sangue in località Capiccio. Secondo la versione dell’uomo, la coppia si era appartata in cerca d’intimità quando, dal nulla, sarebbero sbucati due rapinatori. Alla reazione dell’uomo, i delinquenti avevano ucciso la donna. Tutto falso. Iamone, dopo un interrogatorio durato tutta la notte ha confessato che era la sua la mano che ha strappato la vita alla povera Antonietta. La donna è stata uccisa con diverse coltellate ma l’arma non è stata ancora trovata. Dietro l’uxoricidio potrebbero esserci motivi passionali.

Leggi anche: Jessie e la sua confessione hard: “il sesso mi ha rovinato la vita”


Pasquale Iamone foto Newfotosud - Renato Esposito

(Pasquale Iamone foto Newfotosud – Renato Esposito)

Leggi anche

Napoli: donne camminano con scope sul motorino
Napoli

Napoli: donne camminano con scope sul motorino

E' davvero un mistero quello che molti passanti hanno visto a Napoli. Alcune donne erano su un motorino con delle scope, ma non si sa ancora il motivo. La foto delle donne che viaggiano con delle scope su un motorino nella zona di Napoli nella giornata di lunedì 19 settembre nella zona di Mergellina ha fatto il giro del web e strappato qualche momento di ilarità, di gioia e di divertimento. Molti hanno visto donne con le scope nel motorino, ma non è molto chiara l'intenzione né il motivo di questo loro gesto. Molti hanno ipotizzato a una impresa di [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*