SHAKHTAR DONETSK : SEI GIOCATORI IN FUGA

Attualità

SHAKHTAR DONETSK : SEI GIOCATORI IN FUGA

Lo Shakhtar Donestk.

La crisi tra Russia e Ucraina ha ripercussioni anche nel mondo del calcio. Sei giocatori dello Shakhtar Donetsk, dopo un amichevole in Francia contro il Lione, non hanno più fatto ritorno in Ucraina. La scelta di rimanere in Francia è stata dettata dalla paura. Paura di tornare in un paese dove c’è la guerra, soprattutto dopo il lancio di un missile che ha colpito un aereo di linea malese, uccidendo 298 persone. “E’ vero, Alex Teixeira, Fred, Dentinho, Douglas Costa, Facundo Ferreyra e Ismaily, non sono tornati. Ma hanno degli obblighi contrattuali quindi saranno costretti a partire, nel più breve tempo possibile”. Queste le parole di un infuriato Rinat Akhmetov, presidente del club ucraino. Mircea Lucescu, attuale allenatore del club di Donec’k e vecchia conoscenza del calcio italiano, attacca invece il procuratore dei sei calciatori Kia Joorabchian ( stesso procuratore di Carlos Tevez):”Ha parlato con loro per ore, mancandoci di rispetto.

Potrebbe addirittura trattarsi di rapimento di giocatori” . “E’ un vero scandalo – ha tuonato Lucescu in un intervista aal’Equipe – Joorabchian sta approfittando della situazione».Secondo l’ex allenatore dell’Inter, l’agente avrebbe infatti convinto i sei calciatori a non tornare in Ucraina, vista la situazione di caos all’interno del paese, per poter firmare così nuovi contratti con altre società. Nel frattempo il presidente del club ucraino rassicura: “Siamo pronti a garantire la sicurezza, non vogliamo correre rischi e non porteremo i giocatori in zone pericolose”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche