> > Addio all'architetto che a Milano voleva riaprire i Navigli: a 90 anni è mor...

Addio all'architetto che a Milano voleva riaprire i Navigli: a 90 anni è morto Empio Malara

Empio Malara

Nato in Calabria, si era trasferito a Milano per studiare al Politecnico ed era stato adottato dalla città lombarda.

All’età di 90 anni, è morto a Milano l’architetto Empio Malara, fondatore dell’associazione Amici dei Navigli.

Nato a Cosenza nel 1932, Malara si era trasferito a Milano per studiare architettura al Politecnico.

Empio Malara sognava di riaprire la rete dei Navigli

Empio Malara ha dedicato la sua vita agli studi sui Navigli milanesi, la loro navigazione e riapertura. Come ha ricordato sui suoi profili social l’associazione Riaprire i Navigli, il sogno dell’architetto era proprio quello di ricostruire la grande rete delle vie navigabili in Lombardia.

“Sapevamo della sua malattia, ma fino a qualche giorno fa eravamo in contatto per parlare dei Navigli, dello stato di avanzamento delle opere per rendere navigabile l’itinerario, tanto a lui caro, della Locarno Venezia. Nella speranza che la cosa più semplice, la conca di Viarenna come estensione della Darsena milanese, si potesse fare subito. Anzi si poteva fare già da dieci anni fa. Come Empio Malara, con una vena di delusione, ha ancora ricordato oggi, nel suo ultimo giorno di vita, con una lettera al Corriere delle Sera

E poi la riapertura dei Navigli che a Milano sono stati chiusi, compreso l’itinerario dell’Adda con la riapertura del Naviglio di Paderno”, si legge sulla pagina Facebook dell’associazione.

Che poi prosegue: “Quanti convegni fatti insieme per parlare di quel meraviglioso Naviglio! Per costruire una sensibilità politica e diffusa affinché anche quell’opera, a cui si era dedicato molto studiando Giuseppe Meda, potesse vedere presto la luce. Un sogno comune: ricostruire la grande rete europea delle vie navigabili interne della Lombardia.

Tante iniziative, che Empio ha promosso quotidianamente, sempre con grande intelligenza da circa cinquant’anni, facendo del tema Navigli il punto fermo per la costruzione di un nuovo paesaggio milanese e lombardo. Ma non solo. Amico e compagno di tante battaglie per una nuova architettura, per una diversa urbanistica, per una diversa politica e per una città di tutti. Un intellettuale calabrese, figlio di una importante famiglia cosentina, che arrivato a Milano per studiare al Politecnico si è identificato con la città, fino ad essere un grande ‘milanese’.

Una grande perdita, ma anche un grande stimolo, per proseguire il nostro cammino”.

Il ricordo di Giuseppe Sala: “Era innamorato di Milano”

Milano piange Empio Malara. Nato in Calabria, milanese di adozione, qui è diventato architetto. Innamorato di Milano è stato il fondatore dell’associazione Amici dei Navigli. Le mie condoglianze e un affettuoso abbraccio alla famiglia”, ha commentato in un tweet il sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala.

Leggi anche: “Il ragazzo non deve fare la fila”: infermiere picchiate al pronto soccorso

Leggi anche: Caso Denise Pipitone, Piera Maggio: “Speriamo in un ultimo gesto di redenzione di Matteo Messina Denaro”