> > Bassetti durissimo sulla proiezione del documentario sugli effetti negativi d...

Bassetti durissimo sulla proiezione del documentario sugli effetti negativi del vaccino

Matteo Bassetti

Perché a Mattero Bassetti non piace l'appuntamento del 22 dicembre: infettivologo durissimo sulla proiezione del documentario sugli effetti del vaccino

Matteo Bassetti è durissimo sulla proiezione a Genova del documentario sugli effetti negativi del vaccino.

L’infettivologo attacca la decisione di proiettare il controverso “Invisibili” di Paolo Cassina. Ma cosa sta succedendo? Che monta la polemica sull’iniziativa lanciata dal consigliere comunale di Uniti per la Costituzione Mattia Crucioli. Lo stesso, che è presidente di Alternativa, ha ottenuto che per giovedì 22 dicembre 2022, nel salone di rappresentanza di Tursi, venga proiettato il documentario ‘Invisibili’ di Paolo Cassina e prodotto da PlayMasterMovie. 

Proiezione del documentario, Bassetti durissimo

Quel docufilm raccoglie “testimonianze di persone che hanno subito effetti avversi del vaccino anti-covid, di medici e professionisti”. A seguire è in cantiere un dibattito. E il  direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale policlinico San Martino ha chiesto, attraverso l’agenzia Dire, l’intervento del sindaco di Genova Marco Bucci. Lo ha fatto dicendo: “Trovo gravissimo che il 22 dicembre possa essere rappresentato nella sede del Comune di Genova un documentario censurato da YouTube, che prende in considerazione  fake news”. 

L’appello al sindaco di Genova Bucci

E ancora: “Mi auguro che si eviterà di proiettarlo e che il sindaco, persona da sempre dalla parte della scienza, voglia intervenire su questa situazione ed evitare che tutto questo avvenga, sarebbe un pessimo messaggio per la città. Credo che questo tipo di documentari e questa modalità di guardare ai vaccini sia profondamente sbagliata”. La chiosa è durissima: “Poi non ci si lamenti, se in questo 2022 abbiamo tra le percentuali più basse di dosi di richiamo per il covid e di vaccino antinfluenzale.

Tutta questa campagna denigratoria non ha fatto altro che danneggiare il nostro Paese.