> > Brasile, L'accusa di Lula ai militari: "Alcuni sono stati conniventi con gli ...

Brasile, L'accusa di Lula ai militari: "Alcuni sono stati conniventi con gli assalitori"

da Silva Luiz Inácio Lula

In attesa di visionare i nastri della Corte suprema, il presidente del Brasile Lula accusa alcuni militari di aver facilitato l'irruzione nel Planalto

Il Brasile alla ricerca del capro espiatorio.

Resa nota oggi l’accusa del presidente Luiz Inácio Lula da Silva ad alcuni militari, richiamati per «essere stati conniventi» con i fanatici di Jain Bolsonaro, assalitori dei palazzi del potere a Brasilia lo scorso 8 gennaio 2023.

A breve la visione dei nastri registrati

Lula non si dà per vinto e vuole a tutti i costi far chiarezza sulle inaccettabili vicende intorno all’irruzione nelle sedi istituzionali. «Sto aspettando che si abbassi la polvere: voglio vedere tutti i nastri registrati dall’interno della Corte suprema, c’è stata molta gente connivente tra la polizia militare, tra le forze armate» asserisce con tono fermo durante una dichiarazione.

L’ingresso degli assalitori sarebbe stato facilitato

Col forte sospetto che i bolsonaristi abbiano trovato le porte aperte per l’assalto al Planalto (sede del governo), il presidente del Brasile continua: «Sono convinto che la porta per far entrare queste persone sia stata aperta, perché non è stata sfondata. Qualcuno ha facilitato il loro ingresso». Finora sono più di 1500 le persone arrestate con l’accusa di aver sostenuto i fatti in nome dell’ex presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

Di contro, migliaia di persone hanno popolato le piazze e le strade pubbliche di Brasilia e delle principali città brasiliane, per difendere la democrazia in risposta al tentato golpe.