×

Compatibilità fra i pesci tropicali d’acquario

default featured image 3 1200x900 768x576
tropical community fish 5

Gli acquari di pesci tropicali sono popolari in molte case. I pesci d’acqua dolce, anche se di solito sono di facile manutenzione, hanno esigenze di compatibilità che non dovrebbero essere ignorate. Stai attento alla compatibilità dei vari tipi di pesci fra loro. Alcuni gruppi di pesci in genere vanno d’accordo con gli altri, mentre altri no o si trasformano addirittura in cibo per gli altri. Assicurati di verificare la compatibilità di tutti i tuoi pesci prima di decidere di permettere loro di convivere.

Gruppo Uno: comunità piccola

Il gruppo unoè composto da tetra, che sono piccoli pesci tropicali che esistono in una varietà di stili e colori come pochi altri. Questi pesci sono pesci di comunità che in genere vanno d’accordo uno con l’altro, anche se non devono essere messi con pesci più grandi (per non trasformarsi nel loro cibo) o con pesci con pinne lunghe, in quanto possono sciamare e ferirle.

Questi pesci sono neon tetra e Glowlight, Rasbora, Molly nuvola bianca, guppy fantasia, pesce gatto Cory (comunemente chiamato “cories”), pesce gatto di vetro, gouramis miele e piccoli gamberetti fantasma.

Gruppo Due: comunità intermedia

Il secondo gruppo è costituito da pesci di comunità che sono in genere leggermente più grandi rispetto al gruppo uno. Questo gruppo comprende più tetra, come tetra dipinti (a volte chiamati “frutta”), serpae tetra, nera tetra neon, danio, pesce portaspada, Platy e Molly.

In questo gruppo, questi pesci possono in genere convivere bene.

Gruppo Tre: comunità di grandi dimensioni

Questo gruppo include pesci che crescono fino a dimensioni relativamente grandi, che richiedono un acquario di almeno 29-55 galloni. Alcuni di essi possono anche essere solitari e relativamente aggressivi, in particolare verso i più piccoli. Questo gruppo comprende Botia pagliaccio, barbe come barbi tigre, gouramis più grandi, e molti squali di acqua dolce, come gli squali a tre colori (noti anche come “bala”), squali arcobaleno, squali coda rossa e squali pinna bianca.

Gruppo Quattro: Ciclidi del sud americana

Questo gruppo è composto da animali molto aggressivi che devono essere tenuti solo in piccoli gruppi in acquari di grandi dimensioni. Attaccheranno prontamente i pesci più piccoli, visto che mangiano pesci rossi e difendono violentemente i loro territori. Questi pesci richiederebbero acquari molto grandi e devono essere conservati insieme sotto stretta sorveglianza. Questo gruppo comprende Jack Dempseys, ciclidi Firemouth, flowerhorns, ciclidi Texas, Oscar, diavoli rossi e ciclidi Midas.

Gruppo Cinque: Ciclidi africani

Questo gruppo è diviso in due sottogruppi che non devono essere mescolati. Innanzitutto, vi sono ciclidi Mbuna, che sono animali molto colorati, con una gerarchia sociale unica. Tuttavia, questi pesci sono molto aggressivi verso altri gruppi di pesci e devono essere tenuti in gruppi di almeno 10 a 12 in acquari di grandi dimensioni, di solito più di 80 galloni o giù di lì. Questi pesci sono i ciclidi auratus, zebre rosse, Johannis e kenyis. In secondo luogo ci sono ciclidi pavone, che vivono nello stesso lago, ma lontano dal gruppo Mbuna, e comprendono pavoni e HAPS, che presentano anch’essi una varietà di colori. Il pesce gatto Synodontis, un pesce gatto molto grande ma tranquillo, può essere mantenuto con entrambi i sottogruppi.

Gruppo Sei: Pesci Angelo

I Pesci angelo sono popolari in acquari che contengono acqua che imita le condizioni di quella che si trova in Amazzonia. Possono essere leggermente aggressivi, e sono compatibili con i gouramis neon blu e i gouramis nani.

Gruppo Sette: Pesci rossi

I pesci rossi sono pesci di acqua fredda, nel senso che non richiedono un riscaldatore. Possono sporcare molto e devono essere tenuti con altri pesci rossi, che hanno bisogno di acquari molto grandi o preferibilmente stagni. I pesci rossi compatibili con la vita in acquario sono gli orandas, quelli con le code a ventaglio, gli occhi telescopio, e il brughiere nero.

Contents.media
Ultima ora