×

Covid, Fondazione Gimbe: “Eliminare le mascherine al chiuso sarebbe un errore”

Secondo la Fondazione Gimbe eliminare le mascherine al chiuso in questa fase rappresenterebbe un errore. Il punto di Cartabellotta.

Gimbe eliminare mascherine chiuso

Nel consueto monitoraggio settimanale indipendente della Fondazione Gimbe sono stati indicatici i parametri della pandemia da covid in Italia. Dati tutti in calo, dalle terapie intensive, meno 11,2%, ai ricoveri ordinari, meno 7,7,%, agli attualmente positivi, meno 22,3%, fino ad arrivare ai nuovi contagi, meno 27.9%.

I decessi, invece, restano sostanzialmente invariari rispetto alla scorsa settimana, più 0,2%. Una situazione che porta con se la speranza di essere di nuovo fuori dalla pesante quarta ondata, e che spingerebbe molti esperti ad un eccessivo ottimismo. È questa la riflessione del presidente di Gimbe, Nino Cartabellotta, che sottolinea anche che pensare di eliminare le mascherine al chiuso rappresenti in questa fase un grave errore.

Gimbe sulle mascherine al chiuso

“Siamo nella fase discendente della quarta ondata – ha detto Cartabellotta – ma la riduzione della circolazione del virus è sovrastimata da una minore attività di testing, il calo della pressione sugli ospedali è lento e spesso irregolare e la curva dei decessi ancora non accenna a scendere”. Malgrado la sovrastima, è lo stesso medico a sottolineare come “a fronte di elevate coperture vaccinali, booster incluso, e dell’arrivo della primavera, i dati legittimano un cauto ottimismo finalizzato al graduale allentamento delle misure.

Eliminare le mascherine al chiuso, il punto di Gimbe

Una situazione in miglioramento dunque, ma che non per questo può ritenersi conclusa in maniera definitiva. “Con l’avvicinarsi della scadenza dello stato di emergenza – ha aggiunto Cartabellotta – si stanno insinuando nel dibattito scientifico e politico termini che nulla hanno a che vedere con la situazione attuale, dalla circolazione endemica del virus addirittura all’imminente fine della pandemia.

Gimbe dice no all’eliminazione delle mascherine al chiuso

Cartabellota le chiama “distorsioni della realtà molto pericolose” in quanto, a suo dire,  “l’eccesso di ottimismo e disinformazione se da un lato non aiutano a contrastare l’esitazione vaccinale, dall’altro rischiano di legittimare decisioni azzardate e rischiose, come la decadenza dell’obbligo di mascherina negli ambienti chiusi”.

Contents.media
Ultima ora