×

Covid, la Campania non somministrerà vaccini a vettore virale a nessuna fascia d’età

Dopo la frenata ad AstraZeneca per under 60, la Campania ha annunciato che non somministrerà più vaccini a vettore virale per nessuna fascia di età.

Campania vaccino vettore virale

Dopo la frenata della somministrazione del vaccino di AstraZeneca è arrivato un nuovo stop. La Regione Campania ha infatti reso noto che non verranno più somministrati vaccini a vettore virale quali AstraZeneca e Johnson & Johnson per nesssuna fascia di età lo ha fatto sapere il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che sul sito istituzionale della Campania ha fornito alcune indicazioni su come proseguirà la campagna vaccinale.

Il Governatore Campano ha tuttavia precisato nella nota che chi ha ricevuto già la prima dose del vaccino AstraZeneca ed ha un’età superiore ai 60 anni potrà ricevere la seconda dose dello stesso vaccino. Proseguirà inoltre regolarmente la vaccinazione di massa di Pfizer e Moderna.

Campania vaccino vettore virale, De Luca: “Occorre ricostruire il rapporto di fiducia con lo Stato”

“Le vicende degli ultimi giorni relative all’uso del vaccino Astrazeneca cambiano in modo radicale il livello di fiducia, le sensibilità e la stessa disponibilità dei cittadini in relazione alla campagna vaccinale.

Occorre dunque ricostruire il rapporto di fiducia verso lo Stato, oggi fortemente compromesso”, così il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che ha annunciato lo stop totale dei vaccini a vettore a virale ai cittadini campani. Si tratta di un taglio netto in quanto il divieto di somministrazione non riguarderà solo AstraZeneca, ma anche Johnson & Johnson. Nessuno inoltre ad eccezione di chi ha già ricevuto la prima dose di AstraZeneca ed è over 60 potrà ricevere il vaccino.

Il Governatore De Luca ha inoltre chiesto che venga fatta un’ulteriore chiarezza sui ruoli.

Campania vaccino vettore virale, De Luca: “Irresponsabile ogni atteggiamento di minimizzazione dei problemi”

Il Governatore della Regione campana De Luca prosegue dichiarando in modo molto critico quanto sarebbe irresponsabile “ogni atteggiamento di minimizzazione dei problemi”, aggiungendo che “la realtà è che da oggi cambia completamente la programmazione vaccinale”. De Luca ha quindi posto una richiesta molto specifica ovvero che venga fatta una chiarezza sui ruoli.

“Si riconduca la funzione del Commissario a un lavoro esclusivamente tecnico-operativo, relativo alla distribuzione dei vaccini. Si riconduca la comunicazione medico-scientifica al solo ministero della Salute, che deve assumersi la responsabilità di fornire gli orientamenti, facendo parlare una sola persona incardinata nel ministero stesso”.

Campania vaccino vettore virale, cosa cambierà

Concretamente cosa cambierà in definitiva per i cittadini campani? La campagna vaccinale di massa di Pfizer e Moderna proseguirà normalmente, così come chi ha più di 60 anni e ha già ricevuto la prima dose di AstraZeneca potrà completare regolarmente il proprio ciclo di dosi. Per ciò che riguarda i soggetti under 60 “tranne che per chi è alla dodicesima settimana, non si procede alla somministrazione di vaccini diversi dalla prima dose, sulla base di preoccupazioni scientifiche che invieremo al Governo, e rispetto alle quali sollecitiamo risposte di merito, in mancanza delle quali, manterremo la nostra linea di rifiuto del mix vaccinale”.

Contents.media
Ultima ora