×

Covid, Pregliasco: “I contagi continueranno ad aumentare, Pasqua sarà il banco di prova”

Il docente dell'Università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi spiega che la variante Omicron 2 è "molto più contagiosa".

Covid Pregliasco Pasqua

A marzo 2020 il primo lockdown, una nuova ondata esattamente un anno dopo. Tra marzo e aprile 2022 si assiste a un nuovo incremento di contagi: la pandemia da Coivd-19 evidentemente non è ancora finita, sebbene i vaccini siano un’arma preziosa contro il virus e il Paese si prepara a ripartire.

Gli esperti raccomandano ancora prudenza, per il professor Ascierto non è ancora il momento di abbassare la guardia. A descrivere la situazione è anche il collega milanese Fabrizio Pregliasco.

Covid, Pregliasco: “Variante Omicron 2 molto più contagiosa”

Descrivendo l’andamento in rialzo della curva epidemiologica in Italia e la situazione Covid nel nostro Paese, Pregliasco ha paralto di “qualcosa di relativamente atteso”.

Il docente dell’Università degli Studi di Milano, nonché direttore sanitario dell’istituto Galeazzi, ha spiegato: “La variante Omicron 2 è molto più contagiosa, anche più del morbillo e della varicella, e ha una grande capacità di colpire i giovani e i bambini, dove il numero di vaccinati resta piuttosto limitato.

“Nella fascia di età tra 5 e 11 anni abbiamo solo il 34% di vaccinati con due dosi”, ha precisato.

Quindi ha aggiunto: Gli sbalzi termici di questo periodo ci espongono maggiormente ai virus. A completare il quadro si è aggiunto un abbassamento comprensibile del livello di attenzione“.

Pregliasco, “Pasqua il banco di prova”: il motivo

I contagi di Covid per Fabrizio Pregliasco potrebbero aumentare fino a fine maggio. Per lui Pasqua sarà il banco di prova, in quanto “ci si sposta di più, si incontra”.

Quindi ha precisato: “Ci sarà ancora una crescita e poi andranno a scemare”.

Con l’arrivo della bella stagione si pensa subito all’estate e Pregliasco ha fatto una prima previsione, dichiarando: Avremo una tregua con meno contagi prima di una ripresa autunnale scontata. La variabile da considerare, ma non vorrei fare il menagramo, è l’arrivo di un’ulteriore variante che però, volendo essere ottimisti, potrebbe essere estremamente trasmissibile ma benevola. Vale la pena ricordare che il minore affollamento degli ospedali dipende soprattutto dai vaccini“.

Contents.media
Ultima ora