Padre Pio Guidolin, condannato a 14 anni per abusi su minori | Notizie.it
Padre Pio Guidolin, condannato a 14 anni per abusi su minori
Cronaca

Padre Pio Guidolin, condannato a 14 anni per abusi su minori

padre pio guidolin

Padre Pio Guidolin è stato condannato a 14 anni di reclusione per violenza sessuale su minorenni. In corso anche il processo ecclesiastico.

E’ stato condannato a 14 anni di reclusione per violenza sessuale su minorenni padre Pio Guidolin, che dovrà anche pagare 10 mila euro a ciascuna delle parti civili del processo. La sentenza ha messo la parola ‘fine’ al processo con rito abbreviato celebrato a Catania. A pronunciarla è stata il Gup Giuseppina Montuori. Secondo l’accusa il sacerdote, arrestato il 1 dicembre 2017, avrebbe cosparso dei 14enni di olio santo prelevato dai locali della sua chiesa, una parrocchia del Villaggio Sant’Agata. Il prete avrebbe proposto questi gesti come ‘atti purificatori’ utili per lenire le loro sofferenze interiori.

Le accuse

Uno dei ragazzi coinvolti avrebbe tentato il suicidio, e proprio da questo drammatico gesto sarebbero partite le indagini. Don Guidolin avrebbe anche millantato amicizie nella criminalità organizzata per impaurire le vittime ed evitare che lo denunciassero.

Le indagini hanno accertato che dal 2014 il sacerdote sfruttava il suo ruolo e approfittava della condizione di fragilità dei ragazzi provati da vicende personali che li avevano turbati.

Padre Guidolin li avrebbe costretti a subire e compiere atti sessuali. Uno di loro avrebbe però opposto resistenza rispetto
alle azioni del sacerdote, rivelando tutto.

Il processo ecclesiastico

La Curia è sin da subito intervenuta nella vicenda, assumendo provvedimenti cautelari nei confronti di don Pio Guidolin. Il sacerdote è stato quindi allontanato dalla parrocchia e collocato in altra sede privo di funzioni. Come riporta Catania Today, secondo quanto comunicato dagli inquirenti, sarebbe in corso anche un processo canonico da parte del Tribunale Ecclesiastico.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche