Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Venezia, paura sul treno regionale: motore in fiamme
Cronaca

Venezia, paura sul treno regionale: motore in fiamme

Nel veneziano, un treno regionale ha visto il suo motore andare in fiamme mentre si fermava in una stazione. A bordo c'erano decine di pendolari.

A Oriago di Mira, in Veneto, i vigili del fuoco sono intervenuti a causa di un principio d’incendio a un motore di un treno regionale, che per fortuna non ha causato alcun ferito. In un video diffuso sui social, si vede come le fiamme avvolgano i vagoni, mentre un passante esorta i passeggeri a scendere.

Treno regionale in fiamme a Venezia

Nel tardo pomeriggio dell’11 febbraio, il treno regionale proveniente da Mestre e diretto ad Adria, carico di passeggeri pendolari, è stato colpito da un a pericolosa anomalia: il motore ha avuto un principio d’incendio, sprigionando fiamme che si sono dilagate velocemente nei vagoni, mettendo in pericolo decine di passeggeri. Come riferito dal macchinista del treno, il mezzo era in procinto di fermarsi alla stazione di Oriago di Mira. Da quel che è possibile vedere in un video diffuso da un passante, le fiamme sono accompagnate da spaventosi scoppi; tuttavia, il sistema automatico antincendio del motore è entrato in funzione, e ha subito spento il principio d’incendio.

Tempestivo l’intervento dei vigili: nessun ferito

Due squadre dei vigili del fuoco da Mestre e Mira, accorse tempestivamente sul luogo dell’incidente – la porta Ovest della stazione ferroviaria – hanno estinto completamente le fiamme sul treno per mezzo di estintori ad anidride carbonica.

Dopodiché, i numerosi passeggeri presenti all’interno dei vagoni sono stati fatti evacuare, ancora in stato di choc. Presente anche il personale tecnico delle ferrovie e la Polfer. Le operazioni di soccorso hanno avuto termine dopo circa un’ora e mezza, quando ormai era calato il buio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche