×

Brescia, auto impazzita travolge 4 persone sul marciapiede

Quattro persone sono state travolte da un'auto sul marciapiede in via Branze, a Brescia. Il conducente ha perso il controllo del mezzo.

auto travolge persone 768x430

Un’auto impazzita ha travolto quattro persone mentre stavano camminando sul marciapiede di via Branze, a Brescia. L’incidente si è verificato intorno alle ore 8.30. A darne notizia è il Giornale di Brescia. Il veicolo stava transitando all’altezza del sottopasso che collega due sedi dell’Università bresciana, quando l’autista ha perso il controllo dell’auto ed è salito sul marciapiede, scontrandosi con una pensilina dell’autobus.

Il veicolo ha poi colpito una Peugeot 2008, nei pressi della rotonda che collega via Branze con viale Europa. Infine, si è ribaltato e ha bloccato il traffico in zona Triumplina.

Auto impazzita a Brescia

Sul posto sono intervenuti i medici del 118 a bordo di quattro ambulanze, gli agenti della polizia locale e dei vigili del fuoco. Al momento non si conosce lo stato di salute dei feriti e la gravità delle ferite riportate.

Secondo quanto riportato da Brescia Today, l’auto impazzita sarebbe una Bmw station wagon e tra i feriti ci sarebbero due ragazzi di 21 e 25 anni. Uno di loro sembra aver riportato lesioni gravi ed è stato immediatamente ricoverato in ospedale. I soccorritori hanno trasferito al nosocomio bresciano anche l’autista della Bmw.

Le cause dell’incidente restano ancora da verificare. Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni, sembra che l’incidente sia attribuibile a un malore improvviso.

Il conducente, uscito dall’abitacolo, ha lamentato forti dolori al petto.

Auto sfonda vetrina a Settimo Torinese

Il 24 dicembre un’auto impazzita ha provocato il panico a Settimo Torinese. Il conducente, intorno alle ore 11.20, ha perso il controllo del mezzo e ha sbandato nel tratto di strada pedonale in via Italia, all’altezza del civico 78. L’uomo, di cui non sono state rese note le generalità, ha colpito e sfondato la vetrina di un’edicola-cartoleria.

Contents.media
Ultima ora