Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Ufficialmente sospese le ricerche delle gemelline gettate nel Tevere
Cronaca

Ufficialmente sospese le ricerche delle gemelline gettate nel Tevere

sospese ricerche gemelline tevere

Sono state sospese dai Vigili del Fuoco le ricerche delle gemelline lanciate nel Tevere dalla madre, Pina Orlandi, lo scorso 20 Dicembre.

Sara e Benedetta, le gemelline gettate nel Tevere dalla madre Pina Orlandi, sono ora ufficialmente “disperse”. I vigili del fuoco infatti hanno deciso di sospendere le ricerche per trovare i corpi delle piccole.

Lo speciale ecoscandaglio, utilizzato dai vigili del fuoco negli ultimi giorni per effettuare le ricerche, grazie al quale è stato possibile monitorare il fondale del fiume, non ha portato i risultati sperati. Tra le ipotesi, non si esclude quella in cui la corrente possa aver trascinato i corpi delle due bambine fino al mare, trascinati poi al largo dalle onde.

Il 20 dicembre 2018 la madre Pina Orlando uscì con le sue figlie di 5 mesi e le lanciò nel fiume dal ponte Testaccio. La donna poi si tolse la vita, buttandosi anche lei. Il suo corpo fu ritrovato poche ore dopo.

Francesco, 39enne marito della donna e padre delle bambine, di professione ingegnere, non riesce ancora a darsi pace per quanto accaduto.

“Non ho capito che mia moglie aveva qualcosa, che soffriva, non riesco a darmi pace per quello che è successo. Ci siamo svegliati alle 3 per la poppata, sembrava tutto normale, ci siamo riaddormentati, o meglio pensavo che anche mia moglie si fosse riaddormentata. Invece si è alzata, ha preso le piccole, le ha avvolte nella coperta bianca sul divano ed è uscita senza chiudere la porta. Le ho cercate, non c’erano. Poi ho visto la porta socchiusa e ho avuto un colpo al cuore. Mia moglie era solo molto preoccupata per la salute delle bambine, ma non ricordo una frase, un atteggiamento che potesse far pensare a un gesto simile”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche