Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Milano, venti fino a 90 km/h: tantissime chiamate ai vigili del fuoco
Cronaca

Milano, venti fino a 90 km/h: tantissime chiamate ai vigili del fuoco

vento milano

Il vento ha provocato numerosi danni a Milano dove le raffiche hanno scoperchiato tetti e fatto crollare alberi e rami.

La giornata di lunedì 25 marzo ha avuto un sapore del tutto primaverile nel nord del Paese. Come ampiamente annunciato dai meteorologi, però, era attesa una coda d’inverno. Le prima avvisaglie si sono fatte sentire già nel tardo pomeriggio, quando si sono alzate le prima folate di vento. A Milano le folate sono state intense e hanno causato danni in diverse zone della città metropolitana. Centralino dei vigili del fuoco preso d’assalto.

Gravi danni

Il vento è tornato a provocare danni a Milano. Diversi rami e alberi sono caduti invadendo le strade. Alcuni tetti sono stati scoperchiati e cartelloni pubblicitari sono stati abbattuti. Numerose le segnalazioni ai vigili del fuoco che sono stati chiamati ad intervenire in diverse zone della città metropolitana. Disagi sono stati registrati anche sulla rete ferroviaria, come comunicato da Rfi. Il servizio è stato infatti interrotto a partire dalle 19.30 sulla Milano-Chiasso a causa di rami caduti sui binari tra Albate e Como San Giovanni.

Allerta della protezione civile

Il peggioramento climatico era stato ampiamente annunciato nei giorni precedenti.

La Protezione civile della Regione Lombardia, nella mattinata di lunedì aveva emanato un avviso di “criticità moderata”, con allerta arancione, per vento forte. Secondo quanto comunicato dai meteorologi sono previsti venti tra i 15 e i 50 km/h con raffiche tra i 50 e i 90 km/h. L’allerta è estesa fino alle 10 di martedì 26 marzo, quando l’allerta diventerà gialla, ovvero “criticità ordinaria”. Secondo gli esperti, nella mattinata di martedì, il vento soffierà con una media compresa tra i 10 e 30 km/h.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche