Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Esplosione nell’ospedale di Jesi: operaio 50enne in fin di vita
Cronaca

Esplosione nell’ospedale di Jesi: operaio 50enne in fin di vita

Jesi, esplosione in ospedale
Jesi, esplosione in ospedale

L'operaio stava eseguendo un intervento di manutenzione quando la caldaia è esplosa: ha riportato gravissime ustioni e lesioni.

Paura a Jesi, in provincia di Ancona, dove un uomo di 50 anni è rimasto gravemente ferito in una violenta esplosione. La detonazione, si apprende dal Resto del Carlino, è avvenuta nell’ospedale Carlo Urbani, situato in via dell’Agraria. Secondo le prime ricostruzioni effettuate dai Vigili del Fuoco, a esplodere è stata una caldaia della centrale termica della nuova struttura ospedaliera. Il 50enne ferito è un operaio che stava effettuando un intervento su indicazione della ditta che si occupa della manutenzione quando è stato investito dalla detonazione. L’esplosione ha scardinato uno sportello e ha provocato un forte boato, udibile in tutta la città. L’uomo, originario di Cupramontana, ha riportato ustioni di grave entità e lesioni. Al momento non è chiaro se le ferite siano state provocate dall’impatto con il suolo o se l’uomo è stato colpito dallo sportello in volo.

Caldaia esplode in ospedale

L’operaio stato immediatamente soccorso dai paramedici della Croce Verde, che lo hanno trasferito in codice rosso all’ospedale Torrette a bordo di un’eliambulanza.

Sul posto sono intervenute anche le squadre dei Vigili del Fuoco e gli agenti della polizia locale. Le forze dell’ordine hanno messo il sito in sicurezza e, su disposizione del magistrato di turno, hanno sequestrato l’impianto. I Vigili del Fuoco, invece, hanno lavorato per far partire il dispositivo ausiliario, necessario per ripristinare la corretta fornitura di acqua e riscaldamento all’interno dell’ospedale. Dai primi accertamenti sembra che il locale non abbia subito danni strutturali.

Fondamentale per la ricostruzione della dinamica dell’accaduto è stata la testimonianza di Ivo Tittarelli, residente in via Agraria a soli 200 metri dall’ospedale. L’uomo – riferisce Ancona Today – ha dato l’allarme e ha prestato i primi soccorsi all’operaio ferito.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.