Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Lecco, scoppia quadro elettrico in Tribunale: due feriti
Cronaca

Lecco, scoppia quadro elettrico in Tribunale: due feriti

incidente a Cuneo

Attimi di paura e Tribunale evacuato nel pomeriggio di giovedì a seguito di un esplosione del quadro elettrico.

Sarebbero due le persone rimaste ferite nello scoppio di un quadro elettrico avvenuto nel pomeriggio di giovedì 20 giugno a Lecco. Il tutto è accaduto all’interno dell’edificio che ospita il Tribunale e i due feriti sarebbero due addetti alla manutenzione che sono stati immediatamente soccorsi e trasportati in ospedale. I medici fanno sapere che le loro condizioni non sarebbero gravi. Al momento dello scoppio, tutti i presenti nell’edificio sono stati fatti evacuare in via precauzionale. Inviati l’elisoccorso, un’auto medica e due ambulanze. Giunti sul posto anche i vigili del fuoco con polizia e carabinieri.

Momenti di paura

L’esplosione si è verificata attorno alle 16, e all’interno della struttura si è creato il panico per la fiammata improvvisa. Ad essere colpiti sono stati due operai, un 51enne e un 55enne, in cui vestiti hanno preso subito fuoco. A far scattare l’allarme è stata una dipendente del Tribunale, che resasi conto del ferimento dei due uomini, ha subito allertato il 118.

I due sono stati soccorsi in codice giallo con ustioni al volto e alle braccia. Il secondo ferito, il 55enne, è stato soccorso cosciente con ustioni al volto e agli arti superiori. Uno è stato ricoverato all’ospedale di Legnano, mentre l’altro al Sant’Anna di Como.

Verifiche in corso

Immediatamente dopo lo scoppio, è stata attivata la procedura di evacuazione dell’edificio. Una volta messi in sicurezza i presenti, i vigili del fuoco del comando di Lecco sono entrati nel Tribunale e hanno eseguito le opportune verifiche all’interno dell’edificio. In corso i rilievi per procedere poi alla ricostruzione dell’esatta dinamica dei fatti.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche