Allarme meningite virale a Senigallia: 6 casi in venti giorni
Cronaca

Allarme meningite virale a Senigallia: 6 casi in venti giorni

meningite senigallia allarme

I sintomi della meningite virale sono febbre alta e forte mal di testa, facili da scambiare per un'influenza.

Allarme meningite a Senigallia. Segnalato l’ultimo caso, il sesto, nel giro di venti giorni. Il soggetto, presentatosi in ospedale con febbre alta e mal di testa, porta con sé i sintomi tipici della patologia. A diffondere la notizia il Corriere Adriatico, che parla di un probabile settimo caso. Ora è panico tra i cittadini.

Senigallia, è allarme meningite virale

Segnalato nelle ultime ore il sesto caso di meningite a Senigallia, in provincia d’Ancona, nel giro di 20 giorni. A riportare l’accaduto il Corriere Adriatico, che ha aggiunto che una settima persona è ora sotto analisi per un ipotetico settimo caso. Nella cittadina è scattato ora l’allarme meningite: il paziente, di cui non è stata rivelata l’identità, si è presentato in ospedale con i tipici sintomi della patologia: febbre alta e mal di testa. Tutte le vittime si aggirerebbero intorno alla stessa età e a tutti è stata diagnosticata la meningite virale. L’ultimo episodio, sempre rilevato all’ospedale di Senigallia, era stato registrato lo scorso 17 luglio, quando un ragazzo – presentatosi nella struttura pensando ad una banale influenza, ha scoperto che il suo malessere era proprio meningite

La meningite: che cos’è

Febbre alta e forte mal di testa, quelli che possono sembrare i sintomi di una banale influenza possono invece essere quelli di una meningite virale.

Questo tipo di malattia, meno aggressiva di quella batterica, non è contagiosa e si può guarire molto facilmente, attraverso una curata mirata e precisa. 10 giorni di cure a base di flebo sono sufficienti per debellare la malattia, ed è proprio per questo che i ragazzi ricoverati non sono stati messi in isolamento ma insieme ad altri pazienti. In corso le indagini per cercare di capire cosa abbia potuto scatenare quest’ondata di meningite, forse un insetto simile ad un moscerino. Nel panico la città di Senigallia, ma i sanitari rassicurano: il numero di casi registrati non deve allarmare in quanto rientrerebbe nelle statistiche stagionali.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.