×

Anpal, reddito di cittadinanza: “18mila hanno trovato occupazione”

L'Anpal ha dichiarato che sono 18mila i beneficiari del reddito di cittadinanza ad aver trovato lavoro tra settembre e novembre.

Arrivano importanti novità dall’Anpal sul fronte reddito di cittadinanza, visti i 18mila beneficiari che sono riuscito a trovare un’occupazione professionale negli ultimi due mesi. Sicuramente, a distanza di un anno, non si sono placate le polemiche per una misura di sostegno fortemente criticata dalle forze politiche rappresentate in Parlamento. Eppure il Movimento 5 Stelle, ideatore di tale strumento economico, continua a sostenere la tesi opposta.

Anpal, i risultati del reddito di cittadinanza

Dal mese di settembre sono partite le convocazioni dei beneficiari del reddito di cittadinanza per la ricerca di un’attività professionale adeguata e, ad oggi, sono stati più di 200mila le persone presentatesi presso i centri per l’impiego situati in ogni regione dello Stato. “In tutte le Regioni i centri per l’impiego stanno procedendo all’attuazione della condizionalità, che prevede un percorso articolato in diverse fasi, dalla convocazione, agli esoneri, al patto di servizio e all’accompagnamento al lavoro“, ha dichiarato in una nota ufficiale l’Anpal.

Coloro che non dovessero presentarsi saranno soggetti a sanzioni, come previsto dal dispositivo disciplinante il reddito di cittadinanza.

Il presidente dell’Anpal Mimmo Parisi ha voluto evidenziare i grandi risultati conseguito in un arco temporale ristretto, che ha permesso a 18mila beneficiari di trovare occupazione: “Considerando la portata della riforma e il numero di persone coinvolte, stiamo procedendo a ritmi da record, visto che tutto questo è avvenuto nell’arco di sei mesi. Per i risultati in termini di posti di lavoro occorre tenere presente che vanno prima svolte tutte le attività propedeutiche che stiamo attuando in queste settimane. Ma intanto circa 18mila beneficiari hanno trovato un’occupazione“.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche