×

Fase 2, in Toscana un contributo di tre mesi per pagare l’affitto

La Toscana stanzia il contributo affitto per i bisognosi in difficoltà in piena Fase 2. Per partecipare, ci sono alcuni requisiti.

Contributo affitto ai più bisognosi in Toscana

Ai più bisognosi, nella Fase 2 la Regione Toscana eroga un contributo per pagare l’affitto per tre mesi. I soldi pubblici saranno erogati direttamente dal Comune alle famiglie che faticano a pagare la quota mensile a causa dell’emergenza Covid-19.

Il contributo – specificano dalla Regione Toscana – non può superare il 50% del canone mensile d’affitto per un massimo di circa 300 euro.

In Toscana un contributo per l’affitto ai bisognosi

L’iniziativa nasce nella Regione Toscana: 13,1 milioni di euro è la somma stanziata e messa a disposizione dei Comuni. Lo stanziamento statale proviene in parte dal decreto Rilancio (9,3 milioni di euro), in parte dalla Finanziaria (3,8 milioni).

La regione stanzierà parte di quei fondi al contributo affitto, parte a un fondo di contributi per famiglia in difficoltà economica.

Chi lo può richiedere

Le cifre variano. La Regione ha suddiviso i comuni in due categorie: i Comuni Ata, cioè ad alta tensione abitativa, potranno erogare per il canone d’affitto un massimo di 300 euro mensili. I Comuni non Ata, invece, 250 euro. Sono stringenti anche i requisiti per richiederlo: il contributo, infatti, può essere richiesto da chi ha avuto un calo del reddito maggiore del 30%.

Farà, comunque, fede l’indicatore della situazione economica familiare (Ise). Si potrà fare domanda nei singoli Comuni a partire dal 20 giugno, data in cui è prevista l’uscita del bando.

Il contributo affitto in Toscana

La Toscana è stata fra le prime regioni italiane che ha disposto lo stanziamento per il contributo. Solo nel 2019 ha ricevuto 15mila domande per il contributo: si prospetta che quest’anno le domande possano essere di più.

L’assessore regionale alla Casa, Vincenzo Ceccarelli ha commentato: “Col bando ordinario andremo di nuovo incontro a chi ha avuto difficoltà rispetto a questo terribile virus. Ricordo che la Toscana è stata la prima Regione ad attivare la misura del contributo straordinario all’affitto per chi ha visto ridurre il proprio reddito oltre il 30% per questa emergenza“.

Contents.media
Ultima ora