×

Omicidio Cerciello Rega, Elder intercettato: “Ha iniziato a strangolarmi”

Condividi su Facebook

In un dialogo intercettato in carcere, Finnegan Elder Lee racconta di aver subito un tentativo di strangolamento da parte di Cerciello Rega.

Cerciello Rega elder intercettato

Intercettato in carcere mentre parla con uno dei suoi avvocati difensori, Finnegan Elder Lee, l’americano a processo per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega insieme all’amico Gabriel Natale Hjort , ha affermato che quest’ultimo lo avrebbe iniziato a strangolare.

A quel punto lui avrebbe estratto il suo coltello e lo avrebbe ucciso.

Omicidio Cerciello Rega: Elder intercettato

Nei dialoghi tradotti in italiano e oggetto di una perizia disposta dalla Corte d’Assise, il ragazzo ha dichiarato di aver visto due poliziotti avvicinarsi di nascosto da dietro. “L’ho visto tipo a un metro da me e poi mi ha placcato“, ha aggiunto. Dopodiché ha affermato che il Carabiniere gli ha sferrato qualche pugno per poi iniziare a strangolarlo, motivo per cui lui ha tirato fuori il suo coltello.

Questo il drammatico racconto dell’aggressione: “L’ho accoltellato tipo due volte nella pancia e ho continuato a pugnalare. Poi una volta che mi ha lasciato il collo me lo sono buttato via di dosso e son scappato“.

Nello stesso dialogo il californiano confermerebbe poi quanto già emerso riguardo la mancata identificazione come Carabinieri di Cerciello Rega e Varriale. Il giovane ha infatti ribadito che i due non hanno mostrato alcun distintivo.

Poi un’altra accusa, ovvero quella di essere stato picchiato dalle forze dell’ordine dopo l’arresto: “Mi hanno menato di brutto e mi hanno detto che mi avrebbero dato quarant’anni se non gli davo la password del mio telefono“.

Infine una nota sulla lingua italiana, che Elder dice di non voler imparare e anzi di odiare. “Se mai tornerò negli Stati Uniti, e la gente mi fa ‘ooh la cultura italiana, la lingua italiana, che bellezza’ io dirò [quella mer*a?] è disgustoso, fa schifo, non voglio mai più sentire l’italiano, mai più“.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
campa ingiuria la notte vicchy e passeggia
9 Luglio 2020 01:52

e dice: puttana, cagna, sporca, e altre schifezze….con il placet del berlusconismo…

il puffo fortuto insulso...
9 Luglio 2020 01:58

simulazione di reato…


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.