×

Coronavirus, 17enne positiva a Riccione: 40 in isolamento

A Riccione il primo caso di Coronavirus arrivato da una turista: positiva una ragazza di 17 anni di Modena. 40 in isolamento.

coronavirus riccione positiva 17enne
A Riccione individuata una 17enne positiva al Coronavirus

Un caso di Coronavirus rischia di rovinare il turismo sulla Riviera Romagnola. Da qualche giorno al ‘bagno 64’ di Riccione cresce la preoccupazione: positiva una ragazza di 17 anni proveniente da Modena. La turista era andata in discoteca con gli amici.

Ciò ha comportato l’isolamento obbligatorio per ben quaranta persone, individuati come contatti stretti residenti sia in Romagna che a Modena. E due di loro, altri due giovani di 19 e 17 anni, sono risultati positivi: entrambi, però, fanno parte della comunità modenese e non c’entrano alcunché con la Riviera romagnola. Nessun allarme da parte delle Aziende Sanitarie: “La situazione è ampiamente sotto controllo. Sono stati eseguiti molti tamponi, tutte le persone entrate in contatto con la ragazza sono state messe in quarantena”.


Coronavirus, a Riccione positiva 17enne

Il problema è che la giovane modenese, inconsapevole della sua positività al Coronavirus, si è concessa una serata in discoteca – al ‘Villa delle Rose di Misano Adriatico – con gli amici e per Riccione si tratta del primo caso legato a un turista.

Ciò fa preoccupare per il futuro del turismo del mese di agosto. Particolarmente preoccupati i gestori dei locali. Anche perché adesso le forze dell’ordine stanno effettuando maggiori controlli. Ne sa qualcosa, per esempio, il gestore della discoteca ‘Indie’ di Pinarella di Cervia che dovrà osservare una chiusura di 5 giorni e una sanzione amministrativa.

La sua colpa? Troppi assembramenti all’interno del locale. Ma non è il primo caso di sigilli, in piena stagione turistica, da parte delle forze dell’ordine: chiuse anche lo ‘Zouk’ di Milano Marittima, del ‘Localito Clandestino’ di Marina di Ravenna.

Sempre qui è stato chiuso anche il ‘Rocksea club’.

Contents.media
Ultima ora