×

Lo Spreepark di Berlino in ristrutturazione dopo 17 anni di abbandono

Abbandonato da oltre 17 anni, finalmente lo straordinario parco divertimenti berlinese tornerà ad aprire i battenti a seguito di una costosa ristrutturazione

qqqqq 768x768

Una vicenda a lieto fine quella dello Spreepark di Berlino, parco divertimenti simbolo della città abbandonato ormai da 17 anni. Il luna park starebbe infatti riaprendo i battenti, coinvolto finalmente in una grande opera di ristrutturazione. Al momento il parco divertimenti berlinese ha sembianze a dir poco “decadenti”: è inagibile, pericolante e ovviamente chiuso al pubblico, ma tutt’oggi le persone tentano di intrufolarsi per scattare qualche foto.

Ecco le condizioni attuali dello Spreepark.

ersu1d6xaaqpibn

ersu5ptwmaajxhv

L’intento che ci si è posti è di creare un parco a pagamento adatto a feste e picnic ma anche a passeggiate nella natura muniti di mappa, alla scoperta di giochi e bellezze naturali. La ruota panoramica, simbolo indiscusso dello Spreepark, ritornerà a funzionare su uno specchio d’acqua come in passato, maestosa e incontrastata.

La storia del parco divertimenti

Nell’ottobre del 1969 per i vent’anni della Repubblica Democratica Tedesca venne inaugurato il “VEB Kulturpark Berlin”, una vasta area verde di 60 ettari destinati all’educazione del popolo e all’intrattenimento.

Ebbe grande successo, anche perché era l’unico parco divertimenti di Berlino Est. Ma con la caduta del Muro le presenze scesero sempre di più. Questo dipese dal fatto che il Kulturpark appariva antiquato rispetto agli altri luna park d’Europa. Nel 1991 il giostraio Norbert Witte si aggiudica l’appalto e vuole trasformare il vecchio “Kulturpark Plänterwald” nel più grande parco divertimenti della Germania Unita. Cambia il nome, acquista giostre, rende il tutto più moderno e di grande bellezza.

Purtroppo però il numero di visitatori non cresce, forse per il prezzo troppo alto. Il parco chiude definitivamente i battenti nel 2004. Finalmente ora l’opera di ristrutturazione dell’area è in corso, anche grazie alla Banca Tedesca, principale finanziatore dell’iniziativa. Non vediamo l’ora di vederla risplendere come un tempo.

Contents.media
Ultima ora