×

Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: “Non citate più me o mia figlia”

Quarto Grado ha ricevuto una diffida da parte della madre di Denise Pipitone Piera Maggio a non occuparsi più del caso della figlia.

Denise Pipitone diffida quarto grado

Piera Maggio ha annunciato una diffida nei confronti della trasmissione televisiva Quarto Grado a non trattare più il caso della figlia Denise Pipitone. La donna, che si riserva di querelare il programma e gli autori, ha denunciato la pronuncia di “continue e reiterate frasi offensive verso di me affermate con veemenza inopportuna e senza contegno da Carmelo Abbate“.

View this post on Instagram

A post shared by Piera Maggio♡ Official Account (@missingdenisepipitone)

Piera Maggio diffida Quarto Grado

Con queste parole la donna è tornata a tuonare contro la trasmissione di Rete Quattro dopo la puntata della scorsa settimana: Quarto Grado. “Si diffida il programma Quarto Grado a citare il mio nome o quello di mia figlia“.

Riservandosi di presentare una querela nei confronti tanto del format quanto degli autori che “consentono questo scempio delle vittime di un reato“, la madre della bimba scomparsa a Mazara aveva già scritto al conduttore chiedendogli “se le pare onesto il comportamento schifoso usato nei miei confronti dal suo collega Abbate e accusandolo di averlo fatto parlare in tutta tranquillità in nome del garantismo.

Piera Maggio diffida Quarto Grado: il caso Abbate

Il riferimento è al fatto che Abbate si sia detto certo dell’innocenza di Anna Corona e di Jessica Pulizzi, sua figlia e sorellastra di Denise e l’abbia a suo dire denigrata facendola passare come una donna “frivola e senza sentimenti” (così si è espressa la donna). Il giornalista stava infatti tentando di dare una spiegazione ai sentimenti di odio nutriti da Jessica per Piera Maggio chiedendo cosa dovesse pensare la ragazzina “vedendo il padre imboscato con un’altra donna che poi resta incinta“.

Piera Maggio diffida Quarto Grado: “Che squallore vergognoso”

Accusando l’uomo di averla giudicata pubblicamente senza sapere, ha dunque chiesto a Nuzzi se accetterebbe che questo venisse fatto ad una persona a lui cara. “Che squallore vergognoso. Non sapete nulla realmente della mia vita e mi fate passare per una donna frivola leggera e senza sentimenti“, aveva aggiunto.

Contents.media
Ultima ora