Francia, maltempo: decine di vittime per piogge e alluvione
Francia, maltempo: decine di vittime per piogge e alluvione
Esteri

Francia, maltempo: decine di vittime per piogge e alluvione

alluvione francia 2
alluvione francia 2

Intenso maltempo nel sud della Francia, strade allagate e fiumi esondati. Al momento si contano 13 vittime, ma il bilancio continua a salire.

Continuano le forti piogge nel sud della Francia. A nord di Carcassonne, in Linguadocia, i violenti rovesci hanno provocato l’esondazione di fiumi e l’inondazione delle strade. A causa del maltempo si sono registrate, per ora, tredici vittime. L’allarme è scattato durante la primissima mattina di lunedì 15 ottobre, dopo che aveva piovuto per tutta la notte. La piena del fiume Aude ha raggiunto livelli record, mai raggiunti prima del lontano 1891: si è alzato fino a raggiungere i 7 metri di profondità. Si sono registrati anche cinque feriti gravi e una persona risulta al momento dispersa. Gli interventi di vigili del fuoco e protezione civile sono incessanti.

alluvione francia

Maltempo in Francia, vittime in continuo aumento

Continuano a circolare sul web immagini delle strade francesi invase dall’acqua e dal fango, che sta sommergendo auto, case e, purtroppo, anche persone. Le piogge hanno cominciato a riversarsi nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 ottobre con intensità crescente. Poco prima che albeggiasse è scattato l’allarme rosso nel dipartimento di Aude, la zona del paese più fortemente colpita dal maltempo.

Durante la notte i vigili del fuoco sono intervenuti in soccorso della popolazione circa 250 volte, i pompieri in azione erano circa 750.

In circa cinque ore “tra i 160 e i 180 millimetri di acqua sono caduti sull’agglomerato di Carcassonne” ha annunciato il prefetto. La Protezione civile francese ha dichiarato che circa un migliaio di persone sono state evacuate in via precauzionale a Pezens, sempre nell’Aude. Si teme infatti che una diga, situata nei pressi del paese, non regga alla pressione dell’acqua e crolli rovinosamente. Le autorità hanno reso noto che in alcuni paesi la situazione è “delicata, mentre in altri è addirittura “preoccupante“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marta Lodola
Marta Lodola 379 Articoli
Classe 1994, nata e cresciuta a Milano. Laureata in Lettere, amante della storia. Giornalista d'aspirazione, educatrice e calciatrice per passione.