Carne di canguro alla mensa della scuola: chef licenziato
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Carne di canguro alla mensa della scuola: chef licenziato
Esteri

Carne di canguro alla mensa della scuola: chef licenziato

mensa

In Nebraska (USA) un cuoco di una mensa scolastica ha servito agli studenti carne di canguro anziché di manzo perché "più salutare".

Una leggerezza. Anzi, la voglia di far consumare agli alunni un piatto ricco di proprietà nutrizionali. E’ così che si sarebbe giustificato Kevin Frei, lo chef della mensa di una scuola del Nebraska, negli Stati Uniti, quando si è scoperto che aveva servito a tavola carne di canguro.

Pensano di mangiare manzo ma è canguro

La carne di questo marsupiale viene in effetti consumata in alcune parti del mondo, soprattutto in Australia, ma non rientra nella normale dieta americana. Forse anche per questo alcuni studenti dopo aver mangiato in mensa, pensando di assaporare della semplice carne di manzo, si sono sentiti male anche se non hanno accusato niente di grave.

A quel punto sono scattate le indagini e, dopo aver interpellato il cuoco, il dirigente scolastico ha capito che i ragazzi avevano mangiato carne di canguro. Quando ne sono venuti a conoscenza i genitori, questi sono rimasti a dir poco esterrefatti. Kevin Frei ha cercato di spiegare che tale scelta era stata fatta appositamente per servire un piatto “magro e nutriente”.

Ciò non è bastato per evitargli però il licenziamento in tronco.

Il preside della scuola ha puntualizzato che il problema è sorto principalmente per il fatto che il cuoco non aveva avvisato del cambiamento nel menù. “Non ci sono pericoli per la salute dei piccoli, – assicura il soprintendente Mike Williams – ma non è il tipo di alimento che serviamo di solito. Non essendo stati informati, gli alunni non hanno nemmeno potuto scegliere se mangiare o meno questo piatto particolare”. “Chi vuole provare specialità esotiche – conclude – può tranquillamente farlo a casa sua. Noi non serviremo mai più carne di canguro“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche