Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Aggredisce fan per delle foto: arrestato Conor McGregor
Esteri

Aggredisce fan per delle foto: arrestato Conor McGregor

arrestato conar mcgregor

Era appena uscito da un locale di Miami quando si è accorto di essere ripetutamente fotografato da un fan: Conor McGregor reagisce.

Provocare, seppure inconsapevolmente (forse), il lottatore irlandese Conor McGregor non è decisamente una buona idea. Ne sa qualcosa il fan che, attendendolo all’uscita di un locale di Miami (Stati Uniti), ha iniziato a scattargli delle foto. Bene, pare proprio che la privacy per McGregor sia sacra. Il lottatore irlandese, infatti, si è subito scagliato verso il fan aggredendolo e prendendogli con forza lo smartphone per danneggiarlo.

Tutta la scena è stata ripresa dalle telecamere a circuito chiuso del locale. Per questo la polizia è facilmente riuscita a risalire al lottatore. Appena identificato il campione irlandese, ha quindi proceduto al suo arresto nel giro di qualche ora. La cauzione è stata fissata a 12.500 dollari (circa 11mila euro).

Diversi problemi con la giustizia

Conor McGregor, 30 anni, è un lottatore irlandese di arti marziali miste, campione dei pesi leggeri e dei pesi piuma della UFC (Ultimate Fighting Championship), l’organizzazione di arti marziali miste statunitense. Non è la prima volta che McGregor ha problemi con la giustizia.

Il 6 Aprile del 2018 era stato arrestato per guida in stato d’ebbrezza e rissa: quel giorno aveva tentato di assaltare un bus su cui viaggiavano altri lottatori.

Inoltre, qualche mese prima, Conor McGregor aveva preso di mira (insieme al suo staff) la fede religiosa del lottatore russo Khabib Nurmagomedov. Al termine dell’incontro tra i due e dopo l’ennesima provocazione, Nurmagomedov aveva decisiso di vendicarsi aggredendo un membro dello staff dell’irlandese. Quell’episodio ha scatenato una furibonda rissa capace di coinvolgere sia le persone sul ring sia i tifosi sugli spalti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche