Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Usa, ginecologo stupra 13enne e trasmette le immagini in streaming
Esteri

Usa, ginecologo stupra 13enne e trasmette le immagini in streaming

nathan clark ward

Stupra ragazzina in diretta streaming. Medico condannato a 37 anni di carcere.

Nathan Clark Ward, un ginecologo 57enne dello Utah, è stato condannato a 37 anni di carcere. L’uomo, convinto di essere insospettabile, aveva commesso diversi reati legati alla pedofilia. Il più eclatante è stato sicuramente lo stupro di una bambina di 13 anni trasmesso in diretta streaming. Le indagini sono state condotte dalla Task Force di Internet Crimes Against Children

Una lunga indagine

Il medico 57enne è stato oggetto di un’indagine durata 8 mesi. Il tutto è iniziato nell’ottobre 2016, e la Polizia avrebbe incastrato l’uomo il 20 luglio 2017, mandandolo in carcere con 11 capi d’accusa. Tra questi, possesso di materiale pornografico infantile, sfruttamento sessuale di minori, sodomia su un
bambino, abuso sessuale aggravato di un bambino, sodomia forzata e abuso sessuale forzato. Il ginecologo, dal canto suo, si è difeso dando la colpa delle sue azioni alla pornografia su internet, da cui era diventato dipendente. L’atteggiamento vittimistico non gli è valso alcun vantaggio: il tribunale lo ha condannato in un primo momento, a 22 anni.

L’abuso in diretta

Poco dopo la condanna, il 57enne ha ammesso la sua colpevolezza in un’altra vicenda: aveva abusato di una ragazzina 13enne trasmettendo la scena in diretta streaming.

Credeva che questa ammissione non avrebbe aumentato la pena detentiva, ma si sbagliava di grosso. Resosi conto che la sua situazione stava peggiorando ha tentato di fare marcia indietro, ma ormai era troppo tardi. Si è quindi dichiarato colpevole ed è stato condannato ad altri 15 anni di carcere. Le due pene insieme fanno quasi un ergastolo, visto che, quando uscirà, l’uomo avrà 93 anni.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche