Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Morto don Michal Los: la sua fede commosse il mondo
Esteri

Morto don Michal Los: la sua fede commosse il mondo

morte michal los

Don Michal Los fece piangere il mondo a causa della sua fede nonostante fosse ricoverato a causa di una grave malattia.

Don Michal Los è morto alle 11.53 di lunedì 17 Giugno 2019 nel letto dell’ospedale dove era ricoverato a causa di grave malattia. A dare la notizia della sua scomparsa è stata Vatican news.

Nonostante le sue condizioni di salute, Michal Los, 31 anni, aveva un grande desiderio ed era determinato ad esaurirlo. La sua fede in Dio andava oltre ogni cosa: prima di morire voleva essere ordinato prete e celebrare la sua prima Messa “per essere ancora più unito a Cristo”. Stando a quanto riportato dal sito fanpage.it, il 22 Maggio 2019 i suoi sogni sono diventati realtà.

La sua fede colpì tutto il mondo

Papa Francesco ha inviato le dispense necessarie per la professione dei voti come Figlio della Divina Provvidenza. Il giorno seguente, monsignor Marek Solarczyk, vescovo ausiliare di Varsavia-Praga, lo ordinò diacono e sacerdote mentre era disteso sul suo letto del reparto di oncologia dell’ospedale militare di Varsavia.

Tutto il mondo aveva parlato di don Michal Los e dalla sua straordinaria fede.

Il video della sua prima messa ha raggiunto le 350.000 visualizzazioni sui social. Padre Tarcisio Vieira, direttore Generale dell’Opera Don Orione, ha voluto commentare la scomparsa di Don Los: “La notizia sapevamo sarebbe arrivata, ma ci lascia ugualmente profondamente tristi. Sappiamo, però, che non è stata la morte a togliergli la vita, ma è stato lui che ha voluto donarla per amore a Cristo e ai poveri. Questo suo messaggio e la sua testimonianza hanno insegnato qualcosa a tutti noi e faremo in modo che non andranno perduti”. Vieira conclude ringranizando il Signore per aver donato al mondo Michael, come testimone di grande fede e di amore.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche