×

Il Brasile supera l’Italia per numero di vittime da Covid-19

Il numero di morti da Coronavirus in Brasile cresce esponenzialmente: superata l'Italia.

coronavirus-brasile-morti
Il Brasile supera l'Italia nella triste classifica dei morti da Coronavirus

Continua a crescere il numero di morti in Brasile da Coronavirus: con il bollettino di giovedì 4 giugno si è sancito, ufficialmente, il sorpasso ai danni dell’Italia nella triste graduatoria. Rispetto al giorno precedente, infatti, il Paese guidato da Jair Bolsonaro ha fatto registrare – secondo i dati forniti – un incremento di 1473 vittime a causa del Covid-19.


Questo nuovo aggiornamento ha portato il dato dei morti, in Brasile, per Coronavirus a 34.021. Scavalcata, dunque, l’Italia. Il Paese sudamericano, al 5 giugno, è al terzo posto per numero di vittime dopo Stati Uniti e Gran Bretagna.

Il bilancio dei nuovi contagi non fa dormire sonni tranquilli né fa vedere a luce in fondo al tunnel: l’incremento del 4 giugno è pari a un +30.925, per un bilancio totale di 614.941 casi di Coronavirus.

Coronavirus: in Brasile record di morti

Ma in questo mese di giugno è un po’ tutta l’area dell’America Latina a preoccupare.

Al 4 giugno si segnala un bilancio pari a 1.153.938 contagi (+48.829) e dei morti, attestatisi a 59.344 (+2.918). In questo caso, a guidare il contagio esponenziale in questa area territoriale, è il Brasile.

Ma la situazione è preoccupante anche in Perù (183.198 e 5.031) e Cile (118.292 e 1.356). Fra le nazioni con più di 5mila contagi si segnalano Messico (101.238 e 11.729), Ecuador (40.966 e 3.486), Colombia (35.120 e 1.087), Repubblica Dominicana (18.319 e 520), Argentina (20.197 e 608), Panama (14.609 e 357), Bolivia (11.638 e 400), Guatemala (5.760 e 143) e Honduras (5.690 e 234).

Per quanto concerne il numero di contagi da Coronavirus in tutto il mondo al 5 giugno, secondo le stime fornite dall’università americana Johns Hopkins, si registrano 6.639.092 contagi accertati, inclusi 391.261 decessi. Finora nel mondo sono guarite 2.872.731 persone.

Contents.media
Ultima ora