×

Coronavirus, Donald Trump: “Gli Usa vicini ad un vaccino”

Il presidente Usa Trump ha detto che il suo Paese è vicino ad ottenere un vaccino contro il coronavirus.

coronavirus usa trump

Gli Usa sono in procinto di ottenere un vaccino per il coronavirus (Covid-19). Ad affermarlo è stato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel corso di una recente intervista rilasciata all’emittente Fox. “Siamo vicini ad un vaccino”, ha detto il tycoon che è alle prese in queste settimane non solo con l’emergenza sanitaria ma anche con le proteste dopo l’uccisione dell’afroamericano George Floyd e con le imminenti elezioni presidenziali.

Coronavirus, Usa vicini al vaccino

Il presidente Usa non ha fornito ulteriori dettagli in merito al vaccino contro il coronavirus. Negli Stati Uniti, però, i numeri continuano a far paura. Nelle ultime 24 ore gli Stati Uniti hanno registrato altri 840 morti su un totale di 2,16 milioni di casi. Prima di Trump aveva parlato della corsa al vaccino il suo principale consigliere in materia, Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

“Tra fine anno e inizio 2021”

“Esistono diversi candidati, molti sostenuti dal governo Usa, e altri indipendenti. – aveva detto Fauci – La fase 1 dei test è stata fatta molto presto, e la 3 inizierà nella prima metà di luglio.

In autunno avremo abbastanza informazioni per sapere se i vaccini sono sicuri ed efficaci. La speranza è averli disponibili per la distribuzione tra fine anno e inizio del 2021. Siamo ottimisti, in base ai dati preliminari. La mia previsione è che avremo più di un vaccino, che potrà essere usato non solo nel paese che lo ha sviluppato, ma condividerlo con tutto il mondo”.

L’accordo di Israele

Anche altri Paesi come Italia ed Israele si stanno avvicinando a grandi passi verso il vaccino. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha firmato un accordo con l’azienda americana Moderna per il futuro acquisto del suo potenziale vaccino. “La società sta andando avanti verso lo sviluppo del vaccino – ha detto Netanyahu – affermano di poterlo raggiungere entro la metà del prossimo anno, speriamo che ci riusciranno”.

Contents.media
Ultima ora