×

Il cimitero degli aerei di Tucson: nel deserto da 70 anni

Sono innumerevoli i velivoli depositati nel cimitero. Tra i vari progetti c'è la riconversione degli aerei da combattimento ad aerei bersaglio.

Aereo militare
Photocredits: Pixabay

Il cimitero degli aerei di Tucson (Arizona) esiste da oltre 70 anni. Infatti, bisogna sapere che dopo una lunga carriera passata a volteggiare nei cieli, gli aeromobili americani sono destinati a riposare in tale deposito situato nel deserto. Si tratta del cimitero di aerei più grande del mondo.

Un lungo schieramento di velivoli allineati su una superficie di più di 10.000 chilometri quadrati. Sono 4.400 i velivoli oramai inattivi qui presenti. Se li si guarda dall’alto, essi sembrano essere dei giocattoli disposti minuziosamente da un bambino. Rimarranno in tale deposito per sempre.

Tucson, il cimitero si trova in una base aerea

I velivoli sono ospitati all’interno della base aerea di Davis-Monthan, si tratta di un aeroporto militare della United States Air Force.

Nei dintorni è situato il 39esimo Aerospace Maintenance and Regeneration Group. Il deposito, noto come Amarg, accoglie dal secondo conflitto bellico aerei militari fuori uso appartenenti al governo federale degli Stati Uniti. La zona è stata scelta per la durezza del suolo e l’umidità quasi del tutto assente. Condizioni che permettono di mantenere i velivoli in condizioni perfette per parecchio tempo.

Amarg: un po’ di storia

L’Amarg è stato fondato nel 1946.

In esso sono attivi attualmente 550 individui, quasi tutti civili, che si occupano degli aerei della marina, della Air Force, della guardia costiera, del corpo dei marine, della Nasa e di altre agenzie governative. Tra i vari progetti c’è anche quello riguardante la conversione di vecchi aerei da combattimento (come l’F-16 e l’F-4 Phantom II) in aerei da bersaglio.

Contents.media
Ultima ora