×

Liverpool vicina al lockdown: “È l’unica strada per fermare contagio”

Condividi su Facebook

La diffusione del Covid-19 a Liverpool è fuori controllo: a dirlo è il sindaco cittadino, per il quale il lockdown potrebbe essere l'unica soluzione.

coronavirus Liverpool
coronavirus Liverpool

Oltre alla preoccupante situazione di Spagna e Francia, dove Parigi, Lione e Lille sono sempre più vicine alla soglia di “massima allerta”, è grave l’emergenza coronavirus nel Regno Unito: la diffusione è fuori controllo a Liverpool. Per il sindaco Joe Anderson, il lockdown potrebbe essere l’unico modo per contenere la crisi sanitaria e frenare i contagi.

Nelle ultime 24 ore nel Regno Unito sono stati registrati 7.143 nuovi casi. Cresce anche il numero delle vittime: 71 in 24 ore. Si tratta della cifra più alta da prima dell’estate. Preoccupa la situazione negli ospedali, dove aumentano i ricoveri. Il totale nazionale dei ricoveri supera di poco quota duemila. I pazienti attualmente in terapia intensiva sono 297.

Coronavirus, allarme a Liverpool

Il sindaco di Liverpool Joe Anderson ritiene che il tasso di infezione da Covid-19 nella sua città sia fuori controllo.

Per lui quindi, un nuovo lockdown totale sarà forse l’unico modo per contenerne la diffusione. Rivolgendosi ai suoi concittadini, Anderson ribadisce la necessità assoluta di indossare sempre la mascherina ed evitare gli assembramenti. Gli ultimi dati riferiscono di 1.306 nuovi casi registrati a Liverpool in una settimana (+577 rispetto a quella precedente). Il tasso di infezione al momento si attesta a 262,2 per 100mila abitanti. Un livello allarmante per il primo cittadino, che sembra essere sempre più intenzionato a istituire un nuovo lockdown nel suo Comune.

La risalita dei contagi sarebbe legata soprattutto alla riapertura delle scuole. Anderson, infatti, ha informato che sono attualmente in isolamento cautelare circa 8mila studenti e 350 fra docenti e amministrativi entrati in contatto con sospetti contagiati. Inoltre, nell’università di Liverpool è stato segnalato un focolaio con diversi positivi al Covid-19, fortunatamente non gravi.

Il problema però non riguarda solo Liverpool: al contrario, sono coinvolti almeno 40 atenei del Regno Unito, con migliaia di studenti, docenti e non docenti che sono stati messi in isolamento precauzionale.

La Bbc, inoltre, fa sapere che circa 1700 persone solo nel campus della Manchester Metropolitan University sono state messe in quarantena. Nel campus, infatti, sono stati riscontrati 127 test positivi. Più di 600 in quello scozzese di Glasgow.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.