×

Palermo: soldi in cambio di un lavoro come operatore socio sanitario, arrestato truffatore

Condividi su Facebook

Palermo, 13 feb. (Adnkronos) – Circa 1300 euro per forzare un bando di concorso già scaduto e ottenere così un posto di lavoro come operatore socio sanitario in un ospedale del palermitano. A smascherare il tentativo di truffa perpetrato da un uomo di 46 anni di Bagheria è stata la polizia di Palermo a cui è stata la stessa vittima a rivolgersi perché poco convinta delle richieste del suo interlocutore.

Secondo quanto ricostruito, l'uomo, fingendosi un medico di un ospedale della provincia, avrebbe contattato telefonicamente la vittima promettendogli un posto di lavoro come operatore socio sanitario. Il fantomatico dottore, in ragione della presenza di un bando di concorso già scaduto, ha detto che sarebbe stato necessario forzare le procedure di assunzione attraverso la consegna di una fidejussione di 1300 euro circa.

La somma avrebbe dovuto essere consegnata in busta chiusa, in un bar di Bagheria. Alla vittima sarebbero anche stati chiesti documenti di riconoscimento e il codice Iban.

Proprio le insolite richieste, hanno fatto scattare qualche dubbio nella mente del disoccupato che ha così allertato la polizia. Gli agenti hanno arrestato il truffatore al momento dello scambio di denaro al bar. L'uomo ha confessato tutto e, oltre al reato di tentata truffa aggravata, dovrà rispondere anche del reato di ricettazione. Gli agenti hanno infatti trovato anche una serie di carte di credito e tessere sanitarie intestate a terze persone e presumibilmente usate, o da usare, per altre truffe.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche