×

Freddo da record in Russia: temperature a -62°

Freddo da record in Russia: temperature a -62° a Oymyakon, dove le persone si ritrovano con le ciglia ghiacciate e i termometri si rompono

freddo
Freddo da record in Russia: temperature a -62°


Il freddo colpisce la Russia: nel villaggio di Oymyakon sono state registrate temperature che toccano i -62°. Chi pensava che il freddo del Regno Unito avesse battuto ogni record deve ricredersi guardando le temperature che nei giorni scorsi hanno raggiunto la Russia. Una vera e propria ondata di gelo e di freddo che ha portato il termometro a segnare -62°: una temperatura così rigida da portare le ciglia delle persone a congelarsi. La stazione meteorologica ufficiale del villaggio di Oymyakon ha registrato una temperatura minima di -59°, ma gli abitanti locali hanno affermato di aver registrato temperature più basse di circa 10°. La temperatura di -67°, che ha portato al congelamento di alcune persone, è inferiore di un grado rispetto alla minima prevista per un insediamento permanente.


Banner Promo SKI 2015

Freddo da record: ecco dove

Un freddo da record è stato registrato in Russia, nel villaggio di Oymyakon. Ma non è la prima volta che accade: temperature simili ai -67° erano, infatti, già state registrate nel 1933 nello stesso villaggio. Nonostante le temperature freddissime, al limite della sopportazione e della sopravvivenza, un gruppo di turisti cinesi ha deciso comunque di fare una visita al villaggio. La giornalista locale Elena Pototskaya non ha resistito e ha immediatamente raccontato la visita dei turisti cinesi: “Oggi a Oymyakon – ha scritto – con una temperatura di -65° sono arrivati alcuni turisti cinesi“.

Un freddo talmente rigido, quello di quest’inverno russo, che i pesci si stanno congelando. Ma non solo quelli: secondo le testimonianze raccolte anche le ciglia delle persone che camminano per le strade di Oymyakon si congelano, creando dei piccoli strati di ghiaccio sul viso di uomini e donne.

Questa zona della Russia è considerata un’area in cui si registrano le temperature più basse di tutta la terra: nel 2018, come nel 1933, le temperature sono arrivate a toccare i -67°: un limite che mette a dura prova la sopravvivenza delle persone dell’area e a rischio la permanenza degli insediamenti.

Anche il termometro si è rotto per il freddo

Gli abitanti locali sono rimasti sorpresi nel vedere che i turisti cinesi giravano tranquillamente per le vie del paese nonostante il freddo. Una ragazza si è fermata e ha mostrato loro il mascara naturale, che si forma con il freddo sulle ciglia. Anche il termometro digitale che era stato installato per mostrare la rigidità delle temperature si è rotto a causa del freddo, registrando la temperatura di -62°. La vita, comunque, continua nella normalità in tutta la regione siberiana: il mercato del pesce, ad esempio, si svolge normalmente nonostante la temperatura di -50°.

Temperature più basse di queste si sono registrate solamente in Antartide dove, però, non esistono insediamenti permanenti.

Numerose sono le testimonianze della popolazione locale a prova delle temperature rigide: c’è chi fa spesa al mercato e nel frattempo afferma di avere la mani congelate, chi esce di casa e si ritrova le ciglia congelate, ma anche chi si mette in posa per fare fotografie bellissime, con uno sfondo mozzafiato. E poi ci sono i turisti cinesi che, incuranti del freddo e del gelo, sono venuti a fare una gita in Siberia.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche