Giro d'Italia 2018, perchè partirà da Gerusalemme?
Giro d’Italia 2018, perchè partirà da Gerusalemme?
Sport

Giro d’Italia 2018, perchè partirà da Gerusalemme?

Gerusalemme
Gerusalemme

Il 4 maggio 2018 parte da Gerusalemme la 101esima edizione del Giro d'Italia che si concluderà a Roma il 27 maggio. Curiosità sulla partenza.

La 101esima edizione del Giro d’Italia parte da Gerusalemme, capitale d’Israele, il 4 maggio 2018 e si concluderà a Roma il 27 maggio 2018. Per la prima volta il Giro d’Italia prevede come prima tappa una località fuori dall’Europa. L’evento ciclistico prevede le prime tre tappe della competizione che sarà ospitato in tre località differenti.

Giro d’Italia: partenza da Gerusalemme

Il 4 maggio 2018 partirà la prima tappa della competizione ciclistica più importante della penisola, il Giro d’Italia, che per la prima volta non partirà da una località in Europa, come ad esempio nel 2016 quando la prima tappa si era svolta ad Apeldoorn, nei Paesi Bassi, ma fuori dall’Europa con le prime tre tappe che saranno in Israele e come prima località Gerusalemme.

La scelta della prima tappa è stata fondamentale e anche una questione molto delicata in quanto all’inizio ci si riferiva a Gerusalemme Ovest.

Dopo che il Ministero dello sport e del turismo ha protestato per l’eliminazione della dicitura pena la perdita dei finanziamenti del Giro d’Italia da parte del governo israeliano gli organizzatori dell’evento sportivo hanno tolto la dicitura da tutti i documenti e dal sito e si sono scusati affermando che suddetta dicitura non aveva nessuna valenza politica ma era solo data dal fatto che la gara si svolgerà in quella zona della città, precisamente dalla Torre di Davide e la Porta di Jaffa attraversando l’intera città.

Dedica a Gino Bartali

La prima tappa del Giro d’Italia che si svolgerà a Gerusalemme il 4 maggio 2018 sarà dedicata a Gino Bartali, famoso ciclista e campione italiano che durante la seconda guerra mondiale salvò molti ebrei dallo sterminio nazista e che per questo motivo nel 2013 è stato insignito dell’onorificenza di Giusto tra le nazioni dallo Yad Vashem. Il ciclista italiano è molto amato fuori dall’Italia e l’ambasciatore ha detto che sarà costruita una pista ciclabile in suo onore.

Tappe in Israele

Durante l’inaugurazione ufficiale della partenza avvenuto lo scorso febbraio l’ambasciatore Ofer Sachs ha dichiarato che permettere la partenza del Giro d’Italia in Israele è un modo per poter ammirare e apprezzare il territorio e che è il momento giusto per visitare il Paese.

L’evento ciclistico in Israele è articolato in tre tappe differenti.

La prima tappa si svolgerà il 4 maggio, riguarderà la città di Gerusalemme, la capitale di Israele, e sarà un cronometro individuale cittadina. La seconda tappa si svolgerà il 5 maggio, il tratto sarà da Haifa a Tel Aviv ed è praticamente pianeggiante. La terza tappa si svolgerà il 6 maggio e il tratto parte da Be’er Sheva fino a Eilat ed è una tappa ondulata interamente nel deserto del Negev.

L’intero percorso della gara si affaccerà sul Mar Morto, scalerà il Ramon Creter, il più grande cratere al mondo e a Eilat toccherà il punto più a sud nella storia del giro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche