> > Guerra in Ucraina, cosa succederebbe se la Russia andasse in default

Guerra in Ucraina, cosa succederebbe se la Russia andasse in default

putin

Con la prosecuzione dell'aggressione della Russia ai danni dell'Ucraina e le sanzioni ai danni del Cremlino, il Paese di Putin rischia il default

Con la prosecuzione dell’aggressione della Russia ai danni dell’Ucraina e le sanzioni perpetrate dai Paesi occidentali ai danni del Cremlino, il Paese di Putin rischia il default.

Guerra in Ucraina, il rischio default per la Russia di Putin

Sono ormai passati più di 20 giorni dall’inizio delle operazioni militari della Russia in territorio ucraino. La guerra in Ucraina, voluta da Putin, ha di fatto isolato Mosca dal resto del mondo, con i Paesi occidentali che, non potendo entrare direttamente in guerra per evitare il terzo conflitto mondiale, stanno colpendo la Russia con delle sanzioni economiche. Per questi motivi il Paese di Putin sarebbe in gravi difficoltà finanziarie e secondo quanto appreso dall’agenzia Fitch, il default di Mosca è dietro l’angolo.

Il default e la ristrutturazione del debito

Uno Stato va in default quando non è più in grado di pagare i debiti in termini di pagamento degli interessi o di rimborso del capitale. Secondo ‘La Repubblica’, in quel caso partirebbero le negoziazioni con gli obbligazionisti per la ristrutturazione del debito. Allo stato attuale delle cose però sembra difficile che si possa trovare un accordo che soddisfi tutte le parti in causa.

Ricordiamo che in questo momento sono stati congelati alla Russia ben 640 miliardi di dollari di riserve internazionali in valuta estera. Il default quindi è davvero possibile, se non probabile. Una situazione che porterebbe ad un’esclusione dello Stato dai mercati dei capitali.