×

I dati di Sharkscope

default featured image 3 1200x900 768x576
sharkscope1

Le principali caratteristiche del sito sharkscope, mette a disposizione degli utenti un gigantesco database con i bilanci e i dati relativi alla quasi totalità dei players online. Cominciamo a vedere in che modo è possibile utilizzare le risorse dello “squalo”.

Infatti, dopo aver cliccato su cerca database, inserendo nell’apposito pannello il nickname e la poker room di riferimento (o il network) del giocatore che si desidera “monitorare”, si avranno a disposizione una serie di voci molto interessanti.

Innanzitutto il dato relativo alle partite giocate, poi quello riguardante il guadagno medio in ogni singolo game, quindi lo stake medio (il valore medio dei buy in pagati).

La parte successiva del prospetto è forse la più interessante, con il dato relativo al ROI, ovvero il ritorno medio dell’investimento (calcolato in base ad una formula che tiene conto di payouts, rake e stake) che rappresenta già un buon indice per valutare la nostra “abilità” ad un certo livello; segue il totale del guadagno (o del passivo) ottenuto nelle partite, quindi il modulo, ovvero il “momento di forma” (sul quale ritorneremo), infine il valore che indica “l’abilità” (un numero fino a 100 calcolato in base alla somma delle varie statistiche) e quindi la rete (il network) ed il filtro (la particolre poker room).

Vedremo più avanti come impostare alcuni ragionamenti più specifici sulle statistiche del sito.

Sharkscope è uno dei siti più utili ed efficaci per migliorare la redditività delle nostre partite d poker online. Statistiche, grafici, selettori di torneo, pannelli e indicazioni che si rivelano molto spesso fondamentali per conoscere l’abilità dei nostri avversari al tavolo da gioco.

Tuttavia è lecito chiedersi se una presenza così invadente non posssa in qualche modo infastidire, se non altro per la completezza ed il dettaglio di informazioni su ogni utente censito dal database del sito.

In realtà si tratta di dati pubblici (dal momento che è possibile liberamente osservare qualunque partita), tuttavia “lo squalo” a pensato anche a questo. Infatti, recandosi sul sito si può compilare un semplice modulo attraverso il quale si chiede di essere “nascosti” alla vista, con la cancellazione dal database e la rimozione di tutti i dati. Per completezza di informazione va anche detto che, per tutti coloro i quali risultano abbonati a sharkscope prima dell’8 aprile 2009, resta la possibilità di vedere i dati relativi a partite giocate e ROI.

images?q=tbn:ANd9GcQffl rxOxk BUW6Lnw RuLMM58UKwAj6eS1CvrhtMZe8XUGGFG

Scegli il Torneo Giusto con Sharkscope
Con il “Selettore Torneo”, infatti, abbiamo a disposizione un aiuto fondamentale per la scelta del tavolo cui sederci, evitando così di correre rischi inutili. Cliccando semplicemente su selettore torneo e scegliendo il livello cui si desidera giocare, oltre che il livello di difficoltà che si vuole “incontrare” ai tavoli, si otterrà rapidamente una dettagliata schermata dei tavoli disponibili al momento sulle differenti poker rooms.

Così, se ad esempio si vuole giocare un sit da 10 euro, cercando un tavolo “comodo”, basterà selezionare le varie opzioni per ottenere l’elenco dei tavoli consigliati, con una legenda grafica che ne indica la difficoltà. Infatti, accanto al tavolo (con i posti ancora disponibili) verranno evidenziate graficamente le caratteristiche dei players iscritti, con gli squali, la dicitura neutral e le bocce d’acqua (con il fish) a palesare l’abilità dei players (chiaramente si tratta di una valutazione d’insieme, mentre per ottenere i dettagli bisognerà registrarsi).

Va subito precisato che la ricerca è gratuita per cifre uguali o inferiori ai dieci dollari, mentre per livelli superiori il costo varia da 1 a 3 ricerche: insomma, gioca pure ma…first test the water!

Contents.media
Ultima ora