> > Il peggiore spot del secolo fa il bis con Lele Mora

Il peggiore spot del secolo fa il bis con Lele Mora

default featured image 3 1200x900

Al peggio non c’è mai fine. Era stato definito lo spot più brutto di tutto il 2010 quello che pubblicizzava il libro di un noto avvocato e che una Manuela Arcuri espressiva come una stampante reclamizzava come la soluzione per liberare la coppia dallo strategismo sentimentale (eh?). Ora l’aut...

Cattura2

Al peggio non c’è mai fine. Era stato definito lo spot più brutto di tutto il 2010 quello che pubblicizzava il libro di un noto avvocato e che una Manuela Arcuri espressiva come una stampante reclamizzava come la soluzione per liberare la coppia dallo strategismo sentimentale (eh?). Ora l’autore del libro fa il bis e cala l’asso Lele Mora.

Le modalità sono sempre quelle: trenta secondi di spot concitato in cui il vippetto di turno srotola discorsi confusionari in merito al libro.

Il tutto in un primo piano che dovrebbe favorire l’enfasi dello spot e circondato dall’immagine dell’avvocato autore del libro. Lele Mora non è da meno allo spot precedente, definito dal critico Aldo Grasso “un capolavoro assoluto e impossibile di bellezza e inespressività, un esempio involontario di kitsch, di camp e di trash” e si presenta con camicia fuxia shocking si mette ad imitare pure la strega cattiva.

“Leggi il libro, non sono un critico ma è dav-ve-ro bel-lo”.

Quanta passione in quest’uomo? Quale bravura nel convincere lo spettatore? Un Giorgio Mastrota qualsiasi può mettersi da parte perché Lele Mora, semmai è possibile, fa meglio dell’Arcuri. Potrebbe vendere ghiaccio agli eschimesi il nostro Lele.
Cosa non si fa per soldi…ma per lo meno, fatelo bene…