Emma Marrone attrice in “I migliori anni” di Gabriele Muccino
Lifestyle

Emma Marrone attrice in “I migliori anni” di Gabriele Muccino

emma marrone muccino

Gabriele Muccino, entusiasta della neo attrice, ringrazia la Marrone: tanti i nomi stellari nella nuova pellicola del regista.

Emma Marrone nelle vesti di co-protagonista nel nuovo film di Gabriele Muccino: “I migliori anni”. Inedita sfida per la bella cantante, che si mostra su Instagram vestita da sposa in una scena della pellicola. Accanto a lei un cast stellare: Favino, Ramazzotti e Romanoff alcuni degli attori presenti.

Un look speciale

Con il pancione o in curiosi costumi d’epoca, avevamo già visto Emma in alcuni scatti condivisi sui social della cantante, ma non ancora vestita da sposa. Direttamente dal set de “I migliori anni” – il nuovo film di Gabriele Muccino, la Marrone sfoggia una folta chioma castana in quello che è l’esordio come attrice in un ruolo da co-protagonista. Accanto a lei attori del calibro di Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart e Nicoletta Romanoff. L’attrice si è dichiarata entusiasta del nuovo progetto, tanto quanto Muccino: “Ha fatto un lavoro straordinario che vi lascerà a bocca aperta”, ha dichiarato il regista, “Grazie dolce Emma.

Coraggiosa, tenace e piena di talento.”

I migliori anni

La pellicola, che vedrà la luce nelle sale cinematografiche il 13 febbraio 2020, racconta quattro decenni nella vita di un gruppo di amici dal periodo dell’adolescenza all’età adulta, dagli anni 80 ad oggi. Una sceneggiatura scritta dallo stesso Muccino con Paolo Costella, con musiche di Nicola Piovani. Nel cast, oltre agli attori già citati, anche Alma Noce e Francesco Centorame. La produzione è a cura di Lotus Production con Rai Cinema in associazione con 3 Marys Entertainment.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.