×

Amici 2021, provvedimento disciplinare per alcuni ballerini

Serena, Alessandro e Samuele non hanno indossato i costumi di scena. Si tratta del primo provvedimento disciplinare al serale.

Ballerini Amici
Ballerini Amici

La prima puntata del serale di Amici 2021 è stata ricca di colpi di scena. Il primo provvedimento disciplinare del serale è arrivato e tre ballerini si sono ritrovati senza costumi di scena. Si tratta di Alessandro, Samuele e Serena. I tempi in cui gli allievi indossavano le tute sono lontani, ma qualcosa durante la serata è cambiato.

Provvedimento disciplinare ad Amici

Serena, Samuele e Alessandro, durante la prima puntata del serale di Amici, non hanno indossato i costumi di scena. La decisione è stata presa per un provvedimento disciplinare, una conseguenza ad un loro comportamento. La produzione si è collegata con la casetta per dare la comunicazione agli allievi, spiegando loro che nel corso dei mesi hanno chiesto ai ballerini di essere più veloci nel cambio costumi durante la puntata.

Le puntate del serale sono registrate, ma i ballerini devono essere comunque tempestivi nel cambio abiti, per via dei tempi televisivi. La produzione ha ripetuto più volte ai ballerini di velocizzarsi, ma non ha ottenuto effetti. Per via delle norme anti-Covid devono riuscire a fare tutto da soli, senza aiuti. Le prove sono andate male in questo senso e la situazione non è cambiata, per cui è arrivato il provvedimento disciplinare.

Vista la vostra incapacità di porre rimedio a questa mancanza, la produzione si trova costretta a prendere una decisione: l’eliminazione dei costumi durante le puntate di tutto il Serale” ha dichiarato la produzione. I ragazzi del serale sono stati messi di fronte ad un’importante decisione ovvero rinunciare tutti ai costumi o limitare il provvedimento a tre ballerini, considerati troppo lenti. La classe, a maggioranza, ha deciso alla fine che solo Serena, Alessandro e Samuele non useranno i costumi di scena, mentre gli altri cercheranno di velocizzarsi.

Contents.media
Ultima ora